Provincia / Ercolano

Commenta Stampa

I resti appartengono a San Clemente martire

Identificate le ossa trovate in strada ad Ercolano


.

Identificate le ossa trovate in strada ad Ercolano
07/07/2010, 15:07

ERCOLANO – E’ risolto il giallo delle ossa trovate dagli  agenti del Commissariato di Portici  Ercolano nella mattinata di domenica, gli esami di medicina legale effettuati dal II Policlinico infatti hanno scoperto che si tratta delle reliquie di San Clemente Martire. Quarto papa della chiesa cattolica vissuto a cavallo degli anni 88 e 97 d.c che morì martire. Il ritrovamento di una cassetta di legno rivestita di velluto rosso con all’interno un teschio, alcune ossa ed un’ampolla di vetro con all’interno altre ossa era avvenuto in via Marconi ad Ercolano ed in un primo momento si era ipotizzato che i resti fossero di una donna per la conformazione del teschio. Si è inoltre scoperto che le reliquie erano state trafugate da una cappella sconsacrata, un tempo adibita a chiesa privata, in Via Roma nel comune di Ercolano. All’interno della cappella, sotto l’altare, era riposta una teca in vetro con all’interno i resti del Santo. Sorpreso  il proprietario della cappella che si è accorto dell’accaduto solo all’arrivo della Polizia, si è messo subito a disposizione dei militari e dopo alcune ricerche si è constatato che era stato forzato il lucchetto della porta d’ingresso. Le indagini continuano serrate per trovare l’autore dell’irragionevole gesto, anche per capire se si tratta dell’ azione di un folle, oppure ci siano altre motivazioni per il momento oscure. La pista dei riti satanici però sembra scartata per il fatto che il ritrovamento della cassa non era avvenuta in prossimità di una chiesa o in uno spazio consacrato. Gli inquirenti sono comunque convinti che poichè a cassa contenente i resti è voluminosa, chi l’ha lasciata in quella zona non può essere passato inosservato e quindi si punta molto sui residenti.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©