Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Il Comune di Quarto aderisce alla Stazione Unica Appaltante

Giarrusso: "Garantiremo trasparenza nelle procedure"

Il Comune di Quarto aderisce alla Stazione Unica Appaltante
20/06/2011, 09:06

QUARTO (NA) - Anche il Comune di Quarto aderirà alla Stazione Unica Appaltante-SUA, istituzione a carattere regionale, prevista dalla legge Antimafia 136/2010, per assicurare trasparenza, regolarità ed economicità, prevenire le infiltrazioni criminali nella gestione dei contratti pubblici. Compito della Stazione Unica appaltante è quello di curare la procedura di gara nel suo complesso, collaborando ad individuare i contenuti del contratto, la scelta del contraente ed eventualmente a dirimere i contenziosi insorti. Possono aderirvi le Amministrazioni dello Stato, regioni, enti pubblici territoriali, enti pubblici non economici, organizzazioni di diritto pubblico, associazioni, consorzi imprese pubbliche e soggetti che operano in base a diritti speciali concessi dalle autorità competenti. La collaborazione tra SUA ed ente aderente è regolata da apposite convenzioni, che prevedono il rimborso dei costi alla centrale di committenza e devono includere anche la collaborazione con le Prefetture. Nel palazzo della Prefettura di Napoli, il sindaco Giarrusso, insieme al dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Quarto, l’ingegnere Cecere, ha firmato il protocollo di adesione, alla presenza del Prefetto di Napoli De Martino e del responsabile del Provveditorato ai Lavori Pubblici della Campania Guglielmi. Nello specifico il Comune di Quarto si avvarrà della SUA per tutte le gare che supereranno i 300000 euro per quanto riguarda lavori pubblici e 200000 euro per i servizi; al di sotto di tali soglie sarà sempre il Comune a gestire gli appalti. “È un atto che ho dovuto solo firmare in quanto l’adesione alla SUA era già stata prevista;” -dichiara il primo cittadino quartese a seguito dell’accordo siglato  in Prefettura- “aderiremo alla Stazione Unica Appaltante finchè ce ne sarà necessità, fino a quando, in pratica non riusciremo a garantire totale trasparenza nelle procedure di appalto. Potremmo disporre in questo modo di uno strumento concreto per prevenire ogni tipo di irregolarità risparmiando sulla spesa pubblica visto che alcuni oneri graveranno esclusivamente sulla Regione Campania.” "Abbiamo già trasmesso la prima richiesta che riguarda il collettore fognario di via Casalanno: sarà questo il primo appalto gestito dalla Stazione Unica Appaltante"- afferma il responsabile della sezione lavori pubblici dell'ufficio tecnico del Comune di Quarto, l'ingegner Cecere.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©