Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

Il Consiglio Comunale affida il Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine al CNR


Il Consiglio Comunale affida il Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine al CNR
14/12/2011, 09:12

San Giorgio a Cremano, 14 dicembre 2011 – Una collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche per rafforzare e rilanciare, con il sostegno del Ministero della Pubblica Istruzione, il progetto “Laboratorio Città dei bambini e delle bambine”. E’ questo l’obiettivo della convenzione che sarà stipulata tra la Città di San Giorgio a Cremano e l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Cnr, che dal 1996 supporta e coordina le attività delle città italiane aderenti al progetto internazionale “Città dei bambini”.

Una collaborazione, quella promossa dal Cnr e approvata all’unanimità dal consiglio comunale sangiorgese, che premia gli ottimi risultati raggiunti negli ultimi anni dall’Amministrazione Comunale guidata da Mimmo Giorgiano attraverso il laboratorio “Città dei bambini e delle bambine”, che da anni si occupa della promozione e della salvaguardia dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Grazie all’accordo siglato tra Comune e Cnr la Città di San Giorgio a Cremano potrà contare anche sull’apporto tecnico-scientifico dei massimi esperti italiani in materia.

“La convenzione con il Cnr ci riempie di orgoglio e di soddisfazione – afferma il sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano - E’ una grande occasione non solo per i nostri bambini ma anche per tutta per la nostra città perché grazie a questo accordo San Giorgio diventa interlocutore privilegiato dell’Istituto del Consiglio Nazionale delle Ricerche”.

“San Giorgio è stata una delle prime città italiane a decidere di aderire volontariamente al progetto per l’infanzia promosso dal Cnr. Ecco perché - spiega l’assessore alla Scuola Luigi Bellocchio - a distanza di quasi vent’anni dalla nascita del Laboratorio questa convenzione rappresenta per noi un importante traguardo e un incentivo a rafforzare il nostro progetto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©