Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Il marittimo di Torre del Greco tranquillizza i genitori


Il marittimo di Torre del Greco tranquillizza i genitori
24/03/2011, 18:03

A casa di Luigi Colantonio, il 34enne marittimo di Torre del Greco (Napoli) imbarcato insieme ad altri dieci colleghi sul rimorchiatore Asso 22 sequestrato e fermo nel porto di Tripoli, si respira ancora un clima di cauto ottimismo. Nonostante siano passati tre giorni dall'arrivo nello scalo libico dell'imbarcazione dell'Augusta Offshore e nonostante oggi, per la prima volta da martedi', non sia ancora arrivata una telefonata da Gino: ''Ma noi aspettiamo, la giornata e' ancora lunga'' fanno sapere Pasquale e Virginia Colantonio, i genitori di Luigi, che si e' fatto vivo telefonicamente per l'ultima volta ieri pomeriggio. A casa tutti attendono notizie di Gino, a cominciare dalla moglie e dalla figlia di 8 anni. ''Ogni volta che sentiamo nostro figlio - sottolineano Pasquale e Virginia Colantonio - ci appare sereno. Anzi, e' lui a tranquillizare noi. Sta mangiando e bevendo regolarmente e addirittura ha ripreso anche a lavorare a bordo del rimorchiatore. Gli uomini armati? Ci dice che si vedono solo di sera. Ma non sappiamo molto altro, anche Gino del resto non riesce a capire come evolvera' la situazione. Restiamo in attesa, vogliamo solo riabbracciare nostro figlio e metterci alle spalle questa brutta storia''.

Commenta Stampa
di Ilaria Nacciarone
Riproduzione riservata ©