Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Il seminario promosso da VVFF,collegi e ordini professionali

'Il professionista antincendio': competenze e responsabilità

Il comandante Falbo: 'Sì ad una formazione sinergica'

'Il professionista antincendio': competenze e responsabilità
14/11/2012, 17:48

CASERTA - Oltre quattrocento partecipanti al seminario “Il nuovo professionista antincendio”, promosso dal Comando provinciale di Caserta dei Vigili del Fuoco e dagli Ordini e i collegi professionali (ingegneri, architetti, geometri e periti industriali) per approfondire temi, responsabilità e competenze, in materia di antincendio, affidate dalla nuova normativa al professionista. Ad oltre un anno dall’emanazione delle innovazioni sulla semplificazione introdotte dallo sportello unico per le attività produttive e dalla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) affiorano infatti i primi momenti applicativi delle nuove norme, che vedono in primo piano il ruolo dei professionisti: è forte l’esigenza di aggiornarsi ed essere supportati da conoscenze normative adeguate per assumersi le responsabilità che i nuovi procedimenti affidano al libero professionista, affrontando con padronanza le tematiche delle certificazioni ed asseverazioni antincendio, sottoposte all’esame delle pubbliche amministrazioni. Molte le personalità presenti ai lavori, come il procuratore della repubblica Corrado Lembo, il vice prefetto vicario di Caserta Michele Campanaro, il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone, e i presidenti degli ordini e dei collegi promotori dell’evento. A moderare l’incontro il comandante provinciale dei vigili del fuoco Mario Falbo. “Propongo un protocollo d’intesa che possa rendere sinergica la formazione su questo tema”. “Molti gli ingegneri che stanno già operando, e anche in modo veloce – ha detto il presidente dell’ordine degli Ingegneri di Caserta Vittorio Severino -. Noi come ordine ci stiamo attivando per dare vita ad uno sportello che da un lato supporti i colleghi e dall’altro diffonda le informazioni sulle nuove responsabilità”. Quello casertano è “un territorio soggetto a rischi continui – è intervenuto il presidente dell’ordine degli architetti Enrico De Cristofaro -. Ora i professionisti possono esercitare un’attività prima di esclusiva competenza dei vigili del fuoco”. Sottolineata la formazione di “alto livello”, da parte del presidente del collegio dei Periti industriali Michele Merla, il presidente del collegio dei geometri di Caserta ha detto: “Come i periti siamo molto attenti a queste tematiche. Esiste infatti un testo unico dedicato alla sicurezza diffuso nell’ambito della nostra categoria”. A portare i saluti del sindaco è stato l’assessore comunale all’Urbanistica Giuseppe Greco. “il tessuto socio economico sta cambiando – ha sottolineato l’assessore -: pubblica amministrazione e professionisti sono sempre più collaborativi tra loro. Certe deficienze della P.A. possono, infatti, essere superate grazie alle competenze dei professionisti. Il nostro Paese fino ad ora si è contraddistinto più per le emergenze che per l’azione di prevenzione. In questo momento di crisi è giusto fare uso delle competenze dei professionisti”. I cittadini, per il presidente del Consiglio nazionale degli Ingegneri Armando Zambiano, “devono essere tutelati. Questa crisi da un lato porta frutti positivi come la semplificazione delle procedure. Anche noi stiamo lavorando in questo senso. L’attenzione dunque deve essere rivolta ai giovani. Non si deve guardare come cosa negativa andare all’estero: esportare competenze fuori dal nostro Paese è un modo intelligente per conoscere. Gli altri paesi vogliono la garanzia della realizzazione dell’opera”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati