Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Il sindaco Giarrusso: "Quarto avrà le sue contrade"

E' stata avviata una ricognizione storica delle arterie

Il sindaco Giarrusso: 'Quarto avrà le sue contrade'
19/10/2011, 16:10

QUARTO (NA) - “Riqualificare le zone periferiche della città”; è l’obiettivo del sindaco, Massimo Carandente Giarrusso, che nei giorni scorsi ha approvato in Giunta, su proposta dell’Assessore alle Periferie Andrea Sciccone, una delibera che costituisce proprio un primo passo in questa direzione. Per ordinare la toponomastica della città, nelle zone periferiche, al fine di definire una griglia urbanistica su cui intervenire con iniziative di riqualificazione urbana e potenziamento dei servizi, è stato dato mandato al Responsabile dell’Ufficio Cultura, il signor Antonio Ferro, di iniziare una ricognizione storica per individuare le “Contrade” del Comune di Quarto, così conosciute nella memoria collettiva procedendo ad una delimitazione in ambiti territoriali equilibrati, si legge negli atti della delibera.
Tale suddivisione delle periferie in Contrade sarà uno strumento necessario su cui collocare gli standard da prevedere nel redigente Piano Comunale Urbanistico. La denominazione delle Contrade dovranno avere giustificazioni storiche che coincidano con la loro conoscenza popolare; inoltre le contrade proposte dovranno tenere conto dei vari ambiti territoriale della popolazione residente, procedendo, ove necessario, ad un accorpamento di più nuclei periferici minori. La delimitazione dei confini di tali ambiti territoriali periferici – si legge nelle conclusioni della delibera n° 169 – dovrà coincidere con la viabilità esistente o con la giustificata presenza di limiti e vincoli ambientali e paesaggistici preesistenti. “Oltre a fornire uno strumento utile per la riqualifica delle periferie – dichiara il primo cittadino quartese – l’introduzione delle Contrade ci permette di far conoscere ai cittadini più giovani, la cultura storica delle nostre origini”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©