Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Il vicesindaco Sodano su Spazzatour


Il vicesindaco Sodano su Spazzatour
05/07/2013, 17:29

NAPOLI - “Speriamo che lo spazzatour compiuto dai parlamentari del Movimento 5 Stelle sia una occasione non solo per denunciare le violenze inflitte alla nostra terra, ma anche e soprattutto per dare ad esse una risposta. Traducendo, per esempio, in proposte parlamentari, le istanze che provengono dai territori, e facendo pressione sul parlamento e sul governo per l'attuazione di piani di bonifica e finanziamenti ad hoc per il controllo del territorio e lo sviluppo di un ciclo dei rifiuti virtuoso. Dispiace che se da una parte si condivide la filosofia rifiuti zero, a cui il il comune di Napoli ha aderito, dall'altra poi si proponga -ancora- l'avvento di nuovi commissari che, qui in Campania, fanno tornare alla memoria i periodi bui della gestione del ciclo dei rifiuti quando, a fronte di copioso denaro pubblico, si scelse la strada delle discariche e dell'incenerimento, favorendo le stesse ecomafie. Chiediamo ai parlamentari del Movimento 5 Stelle di farsi promotori di una azione politica che garantisca le risorse economiche per sviluppare la raccolta differenziata e il porta a porta e le azioni necessarie alle bonifiche. Questa amministrazione sta compiendo il massimo sforzo in questa direzione, a fronte di una condizione economica drammatica, ed ha lottato, da sola, contro la costruzione di un inceneritore a Napoli Est e contro nuove discariche, come quelle previste fra Chiaiano-Mugnano-Marano-Quarto per un totale di 8 milioni di tonnellate di rifiuti. Perciò troviamo irricevibili, e ci dispiacciano, le critiche verso la scelta di inviare i rifiuti via nave nel Nord Europa: si tratta, come sempre detto, di una soluzione temporanea per affrontare la crisi rifiuti che, ancora a giugno 2011, a pochi giorni dal nostro insediamento, era presente. Dopo due anni a Napoli si è ripreso un ciclo dei rifiuti normale, abbiamo incrementato il porta a porta e stiamo per diventare la prima città in Italia come numero di cittadini coinvolti, arrivando a 500mila abitanti, a fronte delle risorse disponibili”. Lo afferma il vicesindaco  Tommaso Sodano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©