Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Immigrati: Palmieri, a Napoli si mettono a rischio


Immigrati: Palmieri, a Napoli si mettono a rischio
18/09/2010, 10:09


NAPOLI - "Mentre a Bari l'amministrazione comunale si sbraccia per dare assistenza a rom ed extracomunitari e a Milano, dove questi ultimi attivano il fior fiore di giuristi contro il censimento, un ex presidente della Corte Costituzionale rileva che lo stesso altro non è che un controllo discriminatorio, a Napoli l'amministrazione Comunale fa molto di più: prende il popolo dei disperati che dice di voler assistere e ne mette a rischio l'incolumità". Così, il consigliere comunale del Nuovo Psi al Comune di Napoli Domenico Palmieri che spiega: "La cosa è passata sotto silenzio, ma a giugno il Comune ha sgomberato un edificio pericolante di via dell'Avvenire a Pianura - continua - traslocando almeno 200 'non cittadini' di Napoli nell'ex autoparco di via Brin, un immobile abbandonato dall'amministrazione poiché su di esso pendeva la diffida delle autorità di vigilanza, che ne avevano prescritto una costosa messa in sicurezza ed un troppo oneroso adeguamento alle norme". "Così, in una logica che stride con lo strombazzato proposito di difendere la dignità degli extracomunitari, - prosegue Palmieri - alla fine ciò che è pericoloso per una ventina di lavoratori può andar benissimo per decine e decine di famiglie di bisognosi. E poco importa se nel decreto di urgenza di Palazzo San Giacomo esibito alle stesse autorità di vigilanza tornate sul luogo del 'delitto' nuovamente 'abitato' viene tassativamente prescritto che il trasferimento temporaneo di questo piccolo esercito di emarginati non debba superare i dieci giorni". "I fatti, sui quali mi auguro si intervenga al più presto, ci dicono due cose: ci confermano che a Napoli più che altrove, in barba ai buoni propositi e malgrado le regole, i diritti e i bisogni veri - conclude il consigliere -, non c'é nulla di più definitivo del provvisorio e che, a dispetto di quello che si vuol far credere all'opinione pubblica, i rom, gli extracomunitari e gli indigenti in genere hanno poco di che illudersi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©