Provincia / Caserta

Commenta Stampa

A Caserta appena 3mila richieste su 18mila clandestini

Immigrati, sanatoria flop: la Cgil preannuncia denunce

Borrelli: 'Dubbi sulla regolarità di molte domande'

.

Immigrati, sanatoria flop: la Cgil preannuncia denunce
18/10/2012, 12:40

CASERTA - Si è rivelata un flop la sanatoria per gli immigrati. A Caserta appena tremila domande a fronte di una popolazione clandestina che si aggira sulle 18mila persone. Le cause andrebbero ricercate, secondo la Cgil, nella rigidità dei paletti imposti dalla normativa:  ‘Nonostante l’afflusso per la richiesta di informazioni sia stato enorme – spiega Emanuela Borrelli, responsabile del Dipartimento immigrazione Cgil Caserta - nella maggior parte dei casi  non vi erano  le condizioni per procedere, prima tra tutte il reddito dichiarato dai datori di lavoro si è rivelato in molti casi tanto basso da non poter prevedere assunzioni di personale. Questo dato evidenzia anche la forte evasione fiscale presente che va di pari passo con il lavoro nero. Quindi, a giudicare da come è stato architettato e gestito questo provvedimento, anche questo  dato così basso è quasi un miracolo. Solo a nove giorni dalla scadenza dei termini, è giunto un parziale chiarimento su quali erano gli organismi pubblici che potevano certificare la prova di presenza in Italia. Già solo questo ritardo renderebbe necessaria una proroga della scadenza ed è inaccettabile che a tale richiesta il governo non risponda. Ciò significa che un consistente numero di immigrati rimarrà irregolare, e continuerà ad essere vittima di lavoro nero e super sfruttamento. La nosta Provincia, come del resto tutto il Paese, deve fare i conti con lavoratori immigrati che in ogni settore, dalle costruzioni all'agricoltura, ma anche nell'industria, continuano ad essere sfruttati e a non conoscere il lavoro dignitoso. Per la Cgil  la battaglia continua perché il lavoro nero è una delle vere emergenze del Paese. La direttiva 52 apre nuovi spazi di iniziativa sindacale per la regolarizzazione, attraverso la denuncia di sfruttamento, e la Cgil li userà tutti’. Preannunciato dal sindacato anche un esposto sulla regolarità delle domande presentate.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©