Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Accusato di atti intimidatori verso impiegati comunali

Incendio ed estorsione, arrestato affiliato dei Belforte

Pietro Iulio condannato a tre anni e tre mesi di reclusione

.

Incendio ed estorsione, arrestato affiliato dei Belforte
06/11/2012, 14:14

MADDALONI - E’ stato arrestato questa mattina a Maddaloni dalla Squadra Mobile di Caserta, Pietro Iulio, affiliato al clan Belforte – gruppo Mazzacane-D’Albenzio – attivo nei territori di Marcianise, Maddaloni, San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico e Cervino. Al pregiudicato, vengono contestati i reati di incendio ed estorsione aggravati dal metodo mafioso. L’uomo, un 32 enne, era già stato arrestato insieme ad altre quattro persone per gli stessi reati, nel marzo scorso ma era stato scarcerato dal tribunale del riesame di Napoli per difetto dei gravi indizi di colpevolezza. Poi il 29 ottobre scorso, in sede di giudizio abbreviato, Iulio è stato condannato a tre anni e tre mesi di reclusione. Da qui l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Napoli. L’operazione rappresenta l’epilogo di una intensa attività investigativa che ha permesso di svelare mandanti ed esecutori materiali di una serie di atti intimidatori, di matrice estorsiva, e danneggiamenti causati, nei mesi scorsi, nei confronti di esponenti politici locali e impiegati comunali per la mancata elargizione del ‘reddito di cittadinanza’, un contributo comunale sugli affitti, alla moglie di Palladino Spallieri, altro affiliato al clan, arrestato nel marzo scorso.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©