Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Trasferito in Neurochirurgia, migliorate le sue condizioni

Incidente dell’Epifania, vigile esce dalla Rianimazione

Il primo cittadino Del Gaudio: “Caserta è al suo fianco”

Incidente dell’Epifania, vigile esce dalla Rianimazione
18/02/2014, 16:41

CASERTA - Ha lasciato la Rianimazione, dov’era stato ricoverato all’indomani del drammatico incidente in piazza Duomo a Caserta, per essere trasferito nel reparto di Neurochirurgia. Stiamo parlando di Salvatore Alfano, il vigile del fuoco, originario di San Prisco, trasportato all’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta nel giorno dell’Epifania, allorquando, si ricorderà, rimase gravemente ferito per il cedimento di uno dei cavi a cui era aggrappato mentre si calava dal campanile della Cattedrale per impersonificare la Befana. A rendere noto il trasferimento è stato il sindaco, Pio Del Gaudio, che, in queste settimane, ha seguito personalmente l’evolversi del quadro clinico di Alfano, informando – attraverso post su facebook e comunicati stampa – costantemente la città. Alfano, che è stato dichiarato dai sanitari fuori pericolo, aveva riportato gravi traumi alla testa ed al torace; traumi che avevano fatto, inizialmente, temere il peggio. “Sollecitato dalla signora Anna, - scrive Del Gaudio - vogliamo ringraziare tutta la città, che si è unita in queste settimane in un unico e affettuoso abbraccio intorno a Salvatore e alla sua famiglia. Ora Salvatore è stato trasferito dal Reparto di Rianimazione a quello di Neurochirurgia, una grande e bella notizia, che ci fa sperare in nuovi e più determinanti accadimenti”. Il sindaco Del Gaudio che, ancora una volta, parla delle condizioni del vigile del fuoco, giacché la famiglia di quest’ultimo ha preferito e preferisce evitare qualsiasi contatto con la stampa, coglie l’occasione per ringraziare i vertici dell’azienda ospedaliera ed il primario della Rianimazione, Brunello Pezza, unitamente a tutti i medici e paramedici, definiti “angeli”, che si sono adoperati per la ripresa di Salvatore.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©