Provincia / Avellino

Commenta Stampa

“Incontrarmando”, oltre 450 azinede agricole presenti

On. De Girolamo: valorizza la filiera con prodotto italiano

“Incontrarmando”, oltre 450 azinede agricole presenti
01/10/2013, 12:51

FLUMERI (AVELLINO) - Straordinario successo di presenze per la seconda edizione di “incontrArmando”, l’evento annuale promosso dalla De Matteis Agroalimentare presso il proprio stabilimento di Flumeri (Avellino) insieme ai partner industriali Syngenta e Coseme per incontrare tutti gli agricoltori della filiera “Armando”.
Oltre 450 le aziende agricole intervenute in rappresentanza della Comunità Armando, che, a quattro anni dalla nascita del progetto, può annoverare ben 702 aziende provenienti da 8 regioni e 17 province del centro-sud Italia.
“IncontrArmando” è oramai un appuntamento fisso in cui tutti i protagonisti della filiera si incontrano, si confrontano, si scambiano informazioni sull’andamento della campagna ed in cui la De Matteis Agroalimentare presenta l’aggiornamento del contratto di coltivazione. Momento per stare insieme, ma anche per accrescere le proprie conoscenze, con interventi autorevoli.
L’evento di quest’anno si è arricchito degli apprezzamenti dell’On. Nunzia De Girolamo, già Ministro delle Politiche Agricole, Alimentare e Forestali che, in una lettera fatta pervenire ai presenti, ha sottolineato quanto IncontrArmando sia un importante riferimento per l’intero settore agricolo ed in particolare per quello della cerealicoltura italiana, rimarcando poi l’encomiabile impegno sostenuto dallo storico pastificio campano De Matteis nell’organizzare annualmente una manifestazione che mette in contatto i partner della filiera del grano. L’On. De Girolamo ha manifestato infine fierezza per lo spirito di collaborazione espresso dal progetto “Grano Armando” che ha il pregio di valorizzare la filiera attraverso un prodotto di qualità interamente italiano.
Durante l’evento sono stati illustrati i risultati dell’ultima campagna granaria che confermano la bontà del disciplinare di produzione alla base del contratto Armando, ed è stato presentato l’aggiornamento del contratto di coltivazione. Il dibattito è stato aperto dal presidente di Slow Food Campania, Gaetano Pascale, che è  intervenuto sul tema delle prospettive dei consumi dei prodotti tipici e di filiera e della valorizzazione delle produzioni agroalimentari nazionali.
Particolarmente atteso e seguito è stato il contributo del prof. Angelo Frascarelli, docente di Economia e Politica Agraria pressola Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia, focalizzato sugli impatti della nuova Pac 2014-2020 sulla filiera del grano duro.
La seconda edizione di IncontrArmando si è conclusa con la presentazione di una nuova e interessante iniziativa pensata a favore delle aziende della Comunità Armando: l’istituzione della Borsa di Studio Grano Armando intitolata ad Angelo di Milia per il Master in Management Agro-Alimentare organizzato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’appuntamento con il mondo agricolo si aggiorna al prossimo anno, sulla scia dei successi e dei consensi che il progetto Armando sta riscontrando.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©