Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Zanonato: “Governo preoccupato, ad riveda piano esuberi”

Indesit, manifestazione nel Casertano contro piano azienda

Roma, tavolo di confronto aggiornato al prossimo 16 luglio

.

Indesit, manifestazione nel Casertano contro piano azienda
04/07/2013, 12:17

TEVEROLA - Nuova manifestazione oggi dei lavoratori della Indesit Company in forza agli stabilimenti di Teverola e Carinaro. Il corteo, composto da operai, dalle loro famiglie, dai sindaci di tutti i comuni dell'agro aversano e dai parroci delle diverse foranie, si è radunato poco dopo le 9, nel piazzale antistante l'ufficio postale di Carinaro, e successivamente ha attraversato viale Kennedy per raggiungere, poi, la centralissima piazza Municipio ad Aversa, dove si è tenuto il comizio finale. Poco meno di un migliaio, stando ai dati forniti dal locale commissariato, i partecipanti. La manifestazione è stata indetta dalle confederazioni sindacali per scongiurare i 540 licenziamenti previsti nel solo stabilimento di Teverola. Alla testa del corteo i rappresentanti delle sigle sindacali; tra di loro Antonello Accurso, della Uilm Metalmeccanici: “Ieri siamo stati al ministero dello Sviluppo Economico a Roma - ricorda - e il ministro Flavio Zanonato ci ha convocati di nuovo per il 16 luglio per discutere del piano di licenziamenti previsto dall'Indesit”. L'Indesit, dal canto suo, ha assicurato che non lascerà l'Italia e non ci saranno licenziamenti e prevede 70 milioni di euro di investimenti in Italia, per sviluppare e rafforzare processi e prodotti ad alto contenuto di innovazione e dare competitività. I tre siti di Fabriano, Comunanza e Caserta, ha spiegato l'amministratore delegato, Milani, rimarranno tutti operativi, con chiusure solo parziali. Fabriano sarà il polo produttivo driver dell’innovazione per i forni da incasso, Comunanza driver dell'innovazione per le lavabiancheria e Caserta produrrà frigoriferi e piani cottura da incasso per i mercati a più alto valore aggiunto. Il ministro Zanonato, dal canto suo, ha espresso “la forte preoccupazione del Governo” per il piano da 1.425 esuberi in Italia di Indesit Company, “che con i tagli previsti, finirebbe per acuire le sofferenze di aree già colpite da una pesante crisi industriale”. Di qui l'invito all'ad Marco Milani a rivedere il progetto, definito necessario dal gruppo elettrodomestico “per non compromettere la salvaguardia e la continuità aziendale”.

.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©