Provincia / Nola

Commenta Stampa

Interramento Villaggio Preistorico. Dichiarazioni del Sindaco Biancardi


Interramento Villaggio Preistorico. Dichiarazioni del Sindaco Biancardi
08/09/2012, 13:20

“Il giorno in cui dovessero arrivare i camion per procedere all’interramento del Villaggio Preistorico, mi troveranno davanti al cancello d’ingresso del sito, con tanto di fascia tricolore, a sbarrare loro la strada”.

Non usa mezzi termini e preannuncia azioni eclatanti il Sindaco Geremia Biancardi, contro l’imminente interramento del Villaggio Preistorico di Nola, tuttora allagato per l’innalzamento della falda acquifera.

Biancardi, che ha continuamente monitorato la situazione e sollecitato tutte le istituzioni coinvolte nella vicenda, non vuole arrendersi all’unica soluzione prospettata dalla Soprintendenza e passa al contrattacco: “Non possiamo accettare quella che è e resta un’estrema ratio. C’è un approfondito studio dell’AMRA e della Regione che, invece, individua nella costruzione di paratie di cemento, il modo efficace per fermare l’innalzamento delle acque. Sempre grazie alle indagini svolte dai tecnici, si è potuto constatare come questo fenomeno si ripresenti quasi ogni cinquanta anni per poi scomparire, quindi – afferma il primo cittadino nolano – non vedo perché non si possa seguire la strada tracciata dalla Regione per preservare e, soprattutto rendere fruibile a tutti, uno straordinario tesoro della nostra città. Così come è stato fatto per l’ex area Carducci, dove, a causa di importanti ritrovamenti archeologici, abbiamo preferito cambiare il progetto, sospendendo i lavori per circa nove mesi, rinunciando ad un numero consistente di posti auto per restituire a tutti, un’importante testimonianza della Nola antica, così vogliamo che si proceda anche con il sito di Croce del Papa”.

Il sindaco bruniano, infine, lancia una proposta: “Riuniamoci subito tutti, Comune, Regione, Soprintendenza, tecnici e valutiamo tutte le possibilità per evitare l’interramento. In quella sede, tutti, dovranno assumersi le proprie responsabilità e spiegare, fino in fondo i motivi delle decisioni che saranno prese”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©