Provincia / Caserta

Commenta Stampa

14mila visitatori in 3 mesi e 30mila dall’inizio dell’anno

“Invadeteci”, l’Anfiteatro Campano fa il pieno di visitatori

Santa Maria Capua Vetere, soddisfatto il primo cittadino

.

“Invadeteci”, l’Anfiteatro Campano fa il pieno di visitatori
29/08/2013, 11:35

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Il titolo della manifestazione era “Invadeteci!” ed è stato preso alla lettera. In un solo trimestre – dal 1° giugno al 26 agosto – sono stati ben 14mila i visitatori dell’anfiteatro, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2012 (6.911) e del 2011 (5.923). Dall’inizio dell’anno sono stati superati i 30mila visitatori (con più di 7mila paganti) e quindi ci si avvicina a superare ampiamente il record del 2012, quando in dodici mesi si era arrivati a 34mila. Si tratta di risultati soddisfacenti, ma addirittura al di sopra di ogni aspettativa per l’amministrazione comunale e per la sovrintendenza archeologica che, insieme al consorzio Arte’m, hanno collaborato per la riuscita della manifestazione, con l’obiettivo di favorire la conoscenza del monumento simbolo di Santa Maria Capua Vetere. “Il tavolo tecnico istituito per l’occasione tra Comune e Sovrintendenza - spiega il sindaco Biagio Di Muro - ha rappresentato un’esperienza proficua, che andrà rafforzata e continuata anche per il futuro”. Va registrato, inoltre, il fatto che la piazza antistante l’anfiteatro - a prescindere dalla contingenza delle serate organizzate - è diventata un punto di aggregazione per i giovani, il che rappresenta un significativo passo in avanti simbolico. “L’amministrazione comunale, per quanto di sua competenza, - conclude Di Muro - ha la priorità di valorizzare le proprie risorse storiche e di metterle in rete anche per un rilancio turistico e commerciale della città. E’ per questo, per fare un solo esempio, che intendiamo promuovere un piano di recupero degli edifici sul lato sinistro di piazza I Ottobre, favorendo anche la nascita di piccoli esercizi commerciali e di attività dell’artigianato legate al turismo”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©