Provincia / Avellino

Commenta Stampa

Irpinia, Assemblea di Confcooperative

Ripartire dalle risorse del territorio per creare impresa

Irpinia, Assemblea di Confcooperative
09/07/2013, 10:54

AVELLINO - Dalle risorse del territorio lavoro e impresa per lo sviluppo dell’Irpinia. È questo lo slogan dell’ Assemblea di Confcooperative Avellino, primo sindacato delle cooperative ad articolazione nazionale, che si celebrerà il 16 luglio ore 10.30 presso la Sala Congressi dell’Hotel Villa Eleonora di Ospedaletto d’Alpinolo. Lo slogan, però, è anche un monito per la costituenda classe dirigente che dopo quasi due anni di commissariamento si candida a diventare faro per la cooperazione dell’Irpinia.

 

A spiegare questo momento è Carlo Mitra, commissario di Confcooperative Avellino: «Dopo la parentesi del commissariamento siamo pronti a ridare una struttura definitiva all’Unione. In questi mesi abbiamo lavorato per valorizzare le eccellenze del territorio, per tessere una rete di imprese capaci di farsi interpreti dei bisogni locali e trasformarli in opportunità. Ed è questo che Confcooperative Avellino continuerà a fare».

 

Mitra, dopo i saluti di rito del vice commissario Sossio Fardello, terrà una relazione e guiderà i lavori dell’assise. Sarà dato largo spazio agli interventi dei cooperatori e delle autorità presenti. Prenderanno parte ai lavori il sindaco di Avellino Paolo Foti, il vescovo Mons. Francesco Marino e i consiglieri regionali Pietro Foglia, presidente commissione Agricoltura, Ruggiero Antonia, presidente commissione Politiche sociali e i componenti di commissione Rosa D’Amelio, Sergio Nappi e Ettore Zecchino.

 

Attualmente aderiscono a Confcooperative Avellino circa 150 cooperative per 320 milioni di fatturato e circa 2000 soci lavoratori. Il settore più rappresentativo e socialmente innovativo è il socio-sanitario, con le cooperative di psichiatria e di inserimento lavorativo di detenuti in pena alternativa, oltre a importanti cooperative di agricoltura sociale. Il settore sociale (Federsolidarietà Avellino) è organizzato in un Comitato provinciale e costituito dai delegati delle cooperative aderenti di tutta la provincia. Il settore più redditizio è l’agricolo (Fedagri Avellino) organizzato anch’esso in un Comitato provinciale. Inoltre, aderiscono a Confcooperative Avellino le Banche di Credito Cooperativo della provincia. Confcooperative Avellino fa parte di una rete di 20.500 cooperative aderenti, 3.166.000 soci, 544.400 persone occupate e 61,3 miliardi di euro di fatturato aggregato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©