Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Ischia, aumento dei biglietti Alilauro: protestano i residenti


.

Ischia, aumento dei biglietti Alilauro: protestano i residenti
01/10/2011, 12:10

La società di navigazione “AliLauro” ha aumentato a partire da sabato 1 ottobre 2011 il costo del biglietto per gli aliscafi che da Ischia a Napoli e viceversa effettuano le corse residuali, cioè quelle senza obbligo di servizio pubblico. E così da oggi a partire da Ischia alla volta di Napoli con le corse delle ore 8.00, 10.15, 14.00, 15.20, 16.40 e 17.00 costerà agli isolani ben sette euro. Stesso discorso dicasi per il ritorno dalla Terraferma. Infatti sono ben sette le corse residuali il cui prezzo è aumentato di colpo di un euro e cinquanta centesimi e chi decide di partire da Napoli alla volta di Ischia con le corse delle 7.10, 9.10, 12.10, 12.30, 12.50, 15.30 e quella delle 16.15 dovrà sborsare i fatidici sette euro. E sull’isola Verde c’è incredulità tra i passeggeri per l’improvviso e consistente aumento. “E’ vergognosamente esagerato”, questo il coro unanime degli ischitani. Ma la cosa che in merito sta paradossalmente facendo più “rumore”, è il silenzio assordante di tutti i rappresentanti politici locali, regionali e nazionali. Infatti il vertiginoso aumento del prezzo di alcune corse degli aliscafi è passato quasi inosservato e il silenzio tombale dei rappresentanti dei partiti di centrodestra e di centrosinistra che sull’Isola fanno capo a Domenico De Siano per il PDL e a Giosi Ferrandino per il PD, rende istituzione e politica indirettamente complice di tali aumenti.
“Vorremmo far si che l’aliscafo ritorni ad essere un mezzo di trasporto elitario, con tempi di percorrenza certi e celeri, accoglienza adeguata e tecnologie”, ha dichiarato sull’edizione odierna del Quotidiano “Il Golfo” Salvatore Lauro, quasi che con le cinque euro fatte pagare ai residenti sino ad oggi, gli isolani e i pendolari non potessero avere riconosciuto il diritto ad una mobilità celere, accogliente e tecnologicamente adeguata ai nostri tempi: incredibile!
Molti e a ragione, da queste parti ritengono invece che l’aumento del costo del biglietto di alcune corse dell'AliLauro da 5,50€ a 7,00€, sia ironicamente da parte dell'Armatore Salvatore Lauro solo l'ennesima manifestazione di "stima" e di "affetto" per quegli isolani che gli hanno dato per ben due volte la possibilità di essere eletto Senatore della Repubblica e poter così difendere a Palazzo Madama gli interessi della casta a cui appartiene! Ma siamo solo all’inizio. Il vero patatrac per isolani e pendolari ci sarà quando la Caremar sarà privatizzata e nel Golfo di Napoli gli armatori privati potranno fare incontrastati e ancora di più il bello e il cattivo tempo.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©