Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Ischia, festa nel nel Quartiere di Casalauro


Ischia, festa nel nel Quartiere di Casalauro
06/09/2012, 16:03

All’inizio del mese di settembre, nei giorni in cui nel Comune di Ischia si svolge la festa di San Giovan Giuseppe della Croce, in via Antonio De Luca, nel Quartiere di Casalauro, si organizza un evento che non compare nel cartellone ufficiale delle manifestazioni che quotidianamente si tengono a Ischia Ponte in questi giorni di festeggiamenti. Ad organizzarlo sono i fratelli Esposito, affettuosamente ribattezzati dagli amici “i fratelli Capone”, definizione che riporta tutti con la mente allo straordinario film “Totò, Peppino e la malafemmina”. Gli Esposito, assieme a pochi altri, sono ormai gli ultimi contadini del Comune di Ischia e grazie al loro instancabile e duro lavoro, sull’isola Verde ci sono ancora terreni lavorati con dedizione e nei quali si coltiva praticamente di tutto. Da decenni è tradizione che la Banda musicale di Ischia attraversi suonando via Antonio De Luca e si fermi proprio nel terreno degli Esposito dove vengono eseguite varie marce all’ombra delle viti ormai prossime alla nuova vendemmia. Tra un pezzo e l’altro, i componenti della banda musicale, assieme a donne uomini e bambini di Casalauro a cui si aggiungono numerosi villeggianti, assaggiano le genuine prelibatezze preparate dai padroni di casa. Bruschette fatte con i tipici e squisiti pomodorini  ischitani e annaffiati dall’ottimo vino prodotto dagli Esposito, fanno da apripista all’assaggio di uva e fichi coltivati in questo appezzamento di terra che di sicuro rappresenta uno degli ultimi baluardi della tradizione contadina isolana. L’evento organizzato dai fratelli Esposito è unico nel suo genere ed è una via di mezzo tra una sagra di Paese e una festa rionale. Lontano dai clamori e dai fasti spesso fuori luogo della sfarzosa festa ufficiale, il ritrovo nel terreno degli Esposito rappresenta un genuino momento  di tradizione popolare e di cultura contadina e un importante incontro tra vecchie e nuove generazioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©