Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Ischia: Natale 2011, la festa “infinita”


Ischia: Natale 2011, la festa “infinita”
16/12/2011, 09:12

Ischia, che la festa abbia inizio. Si apre ufficialmente domani, venerdì 16 dicembre, il cartellone di eventi “Ischia Winter 2011”, promosso ed organizzato dal Comune di Ischia con il contributo della Regione Campania e la fattiva collaborazione del mondo associazionistico presente sul territorio. Un programma quanto mai ricco ed articolato per un Natale tra tradizione, cultura, folklore, musica e benessere che accompagnerà i tanti turisti ma anche gli stessi residenti fino alL’8 gennaio. La XIII edizione di Ischia Jazz Festival con ben dieci concerti disseminati tra gli ultimi giorni del 2011 e l’alba del 2012, l’ormai consolidato veglione di capodanno nell’accorsata Piazzetta San Girolamo (affollata ogni anno fino a tarda notte da migliaia di entusiasti turisti) il gran concerto di Capodanno, e poi una serie di appuntamenti in grado davvero di soddisfare le esigenze di ogni fascia di pubblico. Ci saranno i momenti dedicati all’artigianato, alla gastronomia (con le tradizioni del baccalà, i dolci della tradizione partenopea, i percorsi enogastronomici ma anche i gemellaggi tra la Città di Ischia e Montella e Val di Non per scoprire segreti e profumi di castagne e mele) ed alla cultura (con la rassegna letteraria “Il mare d’inverno”). Il divertimento e l’intrattenimento, poi, non conosceranno frontiere: l’animazione per i bambini con Babbo Natale e la Befana che faranno diverse comparsate per le strade di Ischia e le sempreverdi letture di fiabe, e poi ancora la grande tombolata per grandi e piccini, le proiezioni di film girati sull’isola verde, le parate stradali della banda musicale Città di Ischia in costume natalizio, la rappresentazione teatrale di commedie nel nuovo auditorium del Museo del Termalismo. La tradizione, poi, troverà il suo maggiore compendio nell’itinerario presepi stico che vede protagonisti artisti ed artigiani locali e culminerà nella rappresentazione del presepe vivente. Le tante strutture ricettive che resteranno aperte al pubblico (tra il 27 dicembre ed il 7 gennaio sono stimate ad Ischia non meno di quindicimila presenze), metteranno a disposizione dei propri ospiti una serie di pacchetti benessere con le miracolose acque termali ischi tane. L’accensione degli alberi natalizi nelle zone strategiche del Comune (Piazza Antica Reggia, Piazzetta San Girolamo, Ischia Ponte) oltre alle eleganti luminarie disseminate sul territorio hanno già di fatto acceso le luci di quella che si preannuncia una festa infinita. “L’amministrazione ancora una volta non ha lesinato i suoi sforzi per garantire un periodo natalizio all’insegna del divertimento, della festa ed anche della spensieratezza – spiega il sindaco d’Ischia Giosi Ferrandino – mi piace sottolineare il contributo e l’impegno profuso dall’intero mondo associazionistico, che dando la propria disponibilità al cartellone di eventi ha voluto anche in maniera tangibile riconoscere quanto da noi fatto per rendere Ischia più bella in tutti i sensi, come peraltro testimonia il boom di presenze nel periodo natalizio, in costante crescita negli ultimi anni. Ci sarà modo di divertirsi, insomma, ma anche di ammirare le mirabilie della storia ischitana”. Dal canto suo Piero D’Ambra, consigliere comunale del dipartimento Turismo, si sofferma sulla qualità e la varietà del cartellone di eventi varato dall’amministrazione: “Siamo riusciti a coniugare eventi di spessore e notevole richiamo come il festival del Jazz ed il veglione di capodanno con tanti appuntamenti che riconducono alla tradizione ed alle radici, che vanno sempre preservate perché rappresentano un segnale distintivo di Ischia. Volevamo varare un cartellone che riuscisse ad accontentare tutti i palati, e crediamo di essere riusciti nell’intento”. Che la festa abbia inizio, allora: aspettando il Jazz, naturalmente, e la notte di San Silvestro che negli ultimi dieci anni ad Ischia è riuscita a diventare evento di culto grazie ad un veglione di capodanno capace di calamitare turisti da ogni parte d’Italia e non solo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©