Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Sorteggio pubblico nella tendostruttura di palazzo La Salle

La "dea bendata" sceglie i nuovi netturbini torresi


.

La 'dea bendata' sceglie i nuovi netturbini torresi
18/06/2010, 16:06

TORRE DEL GRECO – In tempi di crisi economica e di ricerca spasmodica di un posto di lavoro, può anche capitare di doversi affidare alla “dea bendata” per ottenere un impiego.
Succede a Torre del Greco, dove la scelta dei nuovi netturbini che si occuperanno di tenere pulite le strade della città, è stata affidata ad un sorteggio pubblico.
Alla nuova ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti nella città del corallo, infatti, occorrevano altri dieci lavoratori da assumere. Non si tratta certo di un impiego a tempo indeterminato ma di un contratto per il periodo della durata della convenzione che la società ha stipulato con il Comune torrese, fino al prossimo 31 dicembre.
Eppure, i “pretendenti” all’ambito posto da netturbino erano più di 400, tutti con requisiti idonei al compito da ricoprire. E così si è scelto di affidare tutto alla fortuna, evitando selezioni o graduatorie.
Nella tendostruttura di palazzo “La Salle” di via De Gasperi, dunque, si è proceduto ad un sorteggio pubblico dal quale sono usciti i nomi dei dieci nuovi netturbini di Torre del Greco.
I foglietti con i nomi e le date di nascita, sono stati inseriti in un’urna improvvisata, una scatola di cartone; la sorte degli aspiranti netturbini è stata invece affidata alle mani di due bambini che avevano accompagnato i rispettivi genitori al sorteggio e che sono stati scelti per estrarre i nomi.
Alla fine i loro papà non si sono aggiudicati il tanto sperato posto di lavoro. Ad esultare altri 10 candidati; il primo, Giuseppe Mennella, proprio ieri ha festeggiato 20 anni. Dalla prossima settimana, insieme a lui, inizieranno a lavorare per le strade di Torre del Greco: Aniello Di Cristo, Antonio Fanelli, Mattia Pernice, Leopoldo Marasco, Andrea Diavolino, Raffaele Di Franco, Luigi Raiola, Marcello Magnifico e Massimiliano Sorrentino.
Prossimo passo, la formalizzazione dei contratti

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©