Provincia / Nola

Commenta Stampa

La Festa dei Gigli di Nola Patrimonio Intangibile dell’Umanità

Domenica 8 dicembre i festeggiamenti

La Festa dei Gigli di Nola Patrimonio Intangibile dell’Umanità
05/12/2013, 09:59

NOLA - Sarà il corteo storico degli Orsini, accompagnato dai gonfaloni delle corporazioni, ad aprire domenica 8 dicembre i festeggiamenti per il riconoscimento della Festa dei Gigli di Nola come Patrimonio Immateriale dell’Umanità. L’appuntamento è alle ore 16.30 in piazza Giordano Bruno; qui partirà il corteo che, dopo aver sfilato lungo il centro storico, raggiungerà la Cattedrale in piazza Duomo dove il vescovo di Nola, Mons. Beniamino Depalma, procederà alla benedizione. Un momento solenne a cui seguirà l’avvio di una serata unica ed irripetibile con l’esibizione della banda macedone “Agusevi Dzambo Orchestra Rider” composta da 11 elementi e a seguire quella delle fanfare nolane che ripercorreranno alcune delle canzoni più rappresentative della kermesse in onore di san Paolino.
Una serata impreziosita dalla presenza di un obelisco, da sempre simbolo della Festa, che sarà posizionato al centro di piazza Duomo, in esposizione per tutto il periodo natalizio. E poi ancora proiezioni e fuochi pirotecnici a celebrare l’ambito riconoscimento.
“Nola in questo momento non può che gioire – ha dichiarato l’assessore ai beni culturali, Cinzia Trinchese -. Un evento che merita di essere festeggiato nel migliore dei modi con un programma all’insegna della nolanità e dell’innovazione. Tanti gli appuntamenti di domenica 8 dicembre, tante le sorprese e le novità che porteranno la Festa dei Gigli in quel circuito di fede e folklore che da sempre caratterizza la nostra millenaria tradizione. Un ringraziamento a quanti hanno reso possibile questa serata, all’infinita disponibilità e collaborazione dei nolani che hanno ben compreso il significato di questo giorno. Domenica festeggeremo la passione per questa terra e per la sua storia che deve essere orgoglio e vanto per la città per renderla veramente internazionale."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©