Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Dopo il furto all’istituto torrese, il commento della dirige

Ladri a scuola, parla la preside Aurilia


.

Ladri a scuola, parla la preside Aurilia
04/05/2010, 15:05

TORRE DEL GRECO – Persistono molti dubbi sul furto compiuto ai danni di un istituto scolastico di Torre del greco in prossima apertura. Ignoti, secondo quanto denunciato alle forze dell'ordine dai  rappresentanti del Comune, nei giorni scorsi si sono introdotti  nella struttura in fase di ultimazione nel quartiere Sant'Antonio, struttura destinata ad ospitare dal prossimo anno  scolastico una scuola per l'infanzia. Ancora non sono chiari i motivi del furto, né tantomeno la dinamica. “Ne sono venuta a conoscenza in ritardo – commenta la preside dell’istituto, Maria Aurilia – rispetto all’accaduto avvenuto ben due settimane fa. Era già stata fatta la denuncia, ma nessuno si era preso la briga di avvertirmi, e non capisco il motivo”. Qualche ombra c’è anche sullo svolgimento dei fatti: “Mi hanno spiegato che i ladri avrebbero forzato l’ingresso del cantiere e sarebbero entrati con un camion. Per ora di certo c’è quanto hanno portato via: termosifoni,  servizi igienici e fontane, tutto già sistemato dalla ditta  incaricata dall'ente. Maria Aurilia è anche preside della scuola primaria “Nicola Giampietro”, e la nuova struttura doveva servire per ospitare la sede di un altro istituto per l’infanzia: "La scuola per l'infanzia - afferma la preside - è un fiore  all'occhiello del quartiere. Ma purtroppo ancora una volta pochi balordi hanno dimostrato di non saper rispettare quello che è  il bene di tutti. E dire che nella zona la gente ha accolta con  entusiasmo l'imminente inaugurazione della scuola. Questo però  non fermerà le nostre attività. Il Comune per ora ci ha permesso alcune misure di sicurezza, come la presenza di un vigilantes ed un sistema d’allarme che verrà attivato in pochi giorni. Speriamo che questo serva a portare a termine con serenità un lavoro che è di interesse pubblico”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©