Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Il sindaco interviene su vicenda ex cava Formis Inerti

Lago degli orrori,Antropoli:“Nessun rischio salute”-video

I rifiuti tossici interrati sono stati asportati e smaltiti

.

Lago degli orrori,Antropoli:“Nessun rischio salute”-video
14/10/2013, 10:45

CAPUA – Lago degli orrori a Sant’Angelo in Formis: se da un lato continua a far discutere ed a preoccupare, non poco per la verità, la comunità locale, dall’altro il sindaco Carmine Antropoli interviene sull’argomento e prova a rasserenare gli animi. In particolare, Antropoli, in una nota, ricostruisce le alterne vicende dell’ex cava Formis Inerti, ubicata in località Purgatorio, che già nel lontano ’98 “fu sottoposta a sequestro preventivo, per la presenza di rifiuti solidi urbani e di alcuni fusti contenenti sospetti rifiuti pericolosi”. L’ufficio Ambiente della Provincia, su delega della Procura, affidò alla Progest sas l’incarico di effettuare indagini sull'eventuale inquinamento delle acque e, in particolar modo, sul tipo di materiale presente nei fusti. Dalle risultanze dei rilievi realizzati, risultò che i fusti contenevano residui di pitture e vernici solidificate, solventi, adesivi e sigillanti di scarto e solventi organici. Gli stessi rilievi attestarono, tuttavia, che le acque non erano inquinate. “La società Sogin, incaricata dal Commissariato di governo per l’emergenza rifiuti, - prosegue il sindaco di Capua - nell'ambito del censimento delle cave non più in esercizio, svolto in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, accertò, nell’occasione, che non risultano contaminate né le acque del lago, né quelle del fiume Volturno nei punti monitorati”. Ad oggi, l’area è stata dissequestrata ed il procedimento giudiziale estinto per avvenuta prescrizione. I fusti di vernici, per un peso di circa 1.120 chilogrammi, sono stati, nel frattempo, asportati e smaltiti attraverso una ditta specializzata.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©