Provincia / Benevento

Commenta Stampa

L’amministrazione programma il lavoro delle commissioni


L’amministrazione programma il lavoro delle commissioni
05/04/2012, 14:04

Benevento, 5 aprile 2012 – Incontro questa mattina a palazzo Mosti tra i presidenti di Commissioni consiliari e il vertice amministrativo del Comune di Benevento. Alla riunione voluta dal primo cittadino Fausto Pepe hanno preso parte il vicesindaco Raffaele Del Vecchio, il presidente del Consiglio comunale Luigi Boccalone e i presidenti Mario Cangiano, Angelo Miceli, Giuseppe Molinaro, Mario Orrei, Francesco Zoino e Mario Zoino.

“L’assenza di risorse richiede uno sforzo amministrativo ulteriore – ha esordito il sindaco – bisogna infatti programmare con sempre maggiore anticipo le azioni che vanno realizzate in favore del territorio, ed in particolare tutte quelle che richiedono una spesa da parte delle case comunali.

In un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando e che in questi mesi sta solo iniziando a far sentire i propri effetti sugli enti locali e sui servizi erogati, vanno messe a frutto tutte le esperienze maturate in questi ultimi anni. Il tentativo di prevenire può e deve essere favorito da una programmazione che non solo sappia discernere tra la priorità, ma che sia anche in grado di mettere il Comune in condizione di reperire le risorse necessarie”.

Il confronto si è sviluppato sull’opportunità di calendarizzare i lavori e l’azione delle singole commissioni nel nell’arco di almeno un anno, con rendiconti e aggiornamenti scadenzati su base mensile.

A margine dell’incontro il sindaco di Benevento ha anche sollecitato i rappresentanti istituzionali ad intervenire in maniera attiva anche attraverso una precisa azione di denuncia all’autorità competente per contrastare fenomeni come quelli registrati ieri in piazza San Modesto:

“Ho appreso – ha dichiarato Fausto Pepe – che nella giornata di ieri gli operatori dell’Asia non avrebbero potuto lavorare allo spazzamento perché bloccati dalle proteste di alcuni astanti. Non mi esprimo sulle motivazioni e sulle ragioni delle proteste, che soprattutto in un momento così difficile possono sicuramente rintracciare qualunque fondatezza, ma chi si oppone al decoro cittadino, chi penalizza per propri interessi la collettività e chi interrompe un servizio pubblico essenziale, come quello svolto dall’Asia con enormi sacrifici economici, va denunciato all’autorità competente.

Il dovere di far prevalere l’interesse collettivo ricade innanzitutto su chi ha la responsabilità della rappresentanza istituzionale, e quindi sui componenti dell’amministrazione, ma investe tutti i cittadini a cui bisogna assicurare che non saranno tollerate forme di violenza”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©