Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

La sigla sindacale incontra domani gli assessori di Quarto

L'appello della Cisl: "Il silenzio delle istituzioni è allarmante"


L'appello della Cisl: 'Il silenzio delle istituzioni è allarmante'
16/11/2011, 15:11

QUARTO (NA) - E’ stato messo in calendario per giovedì 17 novembre alle ore 11:30 l’incontro tra la Cisl di Quarto e gli assessori del Palazzo Comunale di via De Nicola. Un incontro caldeggiato dal sodalizio già nelle passate settimane quando aveva invitato i vari assessori a rispondere ad alcune domande sul programma da mettere in campo. Ma l’organizzazione sindacale quartese, guidata dal responsabile Alfonso Coppola, ha fatto sentire nuovamente la propria voce nei giorni scorsi, mediante una missiva indirizzata al capo dell’esecutivo Massimo Carandente Giarrusso. “Dopo averla incontrata nella metà di ottobre per un confronto con l’amministrazione comunale sui temi di tributi, scuola, trasporti, viabilità, vivibilità della nostra città, abbiamo richiesto un incontro con gli assessori competenti – si legge nella lettera diffusa anche agli organi di stampa- Devo comunicarle che la sua giunta non è però così partecipe agli eventi e manca di sensibilità e opportunità di confronto con le parti sociali”. “Ritengo allarmante ed anacronistico questo silenzio da parte delle istituzioni – prosegue la missiva firmata dal responsabile Cisl Quarto, Alfonso Coppola, in prima linea soprattutto per la questione dei trasporti e della mobilità – Temi d’attualità come le recenti delibere comunali sugli aumenti di tributi a pioggia sui cittadini; mancanza di progetti per un aiuto agli anziani, ai meno abbienti, alle giovani coppie, questioni occupazionali, la pesante situazione dei trasporti beffati ad un costo maggiore con minore servizio e delle ultime <<serrate della circumflegrea>>; della viabilità nella nostra città dove oramai resta impossibile uscire o entrare per l’intasamento del traffico e in soprattutto dopo le violenti piogge, la mancanza di un progetto di percorsi per l’utilizzo della bicicletta, la mancanza di sorveglianza alla sosta della auto sui marciapiedi, sino ad arrivare alla mancanza di proposte sulla rinascita della città con aree dedicate per la cittadinanza. Si tratta di questioni baricentriche di confronto anche con le parti sociali”.
Prima che venisse così concordato l’incontro con gli assessori della squadra di governo di Giarrusso, la Cisl aveva polemizzato con tono duro: “Perché gli assessori non rispondono agli inviti di confronto? Forse non sanno, che il confronto sui temi per la cittadinanza, a cui è stato loro demandato di coordinare, è e resta un forte segnale di un’istituzione democratica”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©