Provincia / Benevento

Commenta Stampa

Lavoratori ex Russo, rinnovato il contratto con Asia


Lavoratori ex Russo, rinnovato il contratto con Asia
01/01/2011, 17:01

Benevento, 1 gennaio 2011 – Continueranno a prestare servizio presso l’Asia di Benevento i 17 lavoratori dell’ex Russo, già impiegati per l’anno 2010 nelle attività dell’azienda municipalizzata nell’ambito del progetto ‘welfare to work’. A renderlo noto sono stati il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, ed il presidente dell’Asia, Lucio Lonardo, che hanno ribadito il pieno rispetto degli impegni assunti presso la locale Prefettura, in occasione dei confronti che si sono succeduti per la risoluzione della problematica lavorativa. Già da oggi, 1° Gennaio 2011, i lavoratori interessati risultano inquadrati tra il personale dell’Asia. Il contratto, supportato dalla concessione della Cassa Integrazione in deroga, è stato prorogato per una durata di ulteriori 12 mesi. “Siamo soddisfatti – ha commentato il presidente Lonardo - dall’esito di questa trattativa. Si tratta di un risultato importante per i lavoratori e le loro famiglie, ma anche per l’azienda che può contare su professionalità già formate e dimostratesi disponibili a partecipare con entusiasmo ed abnegazione al raggiungimento di risultati importanti per tutta la nostra comunità. Evidente inoltre il significativo risparmio conseguito sui costi lavoro, così come già avvenne per i lavoratori dell’ex Ecoservice”. “Un buon auspicio per il nuovo anno” ha sottolineato il sindaco Fausto Pepe che ha poi ribadito come “le tante emergenze legate soprattutto al mondo del lavoro, devono trovare nella sinergia istituzionale e nel protagonismo degli enti locali un valido supporto operativo”. “Pur cosciente del fatto che non potranno certo essere Comune o Asia ad invertire in maniera definitiva la grande crisi occupazionale che flagella il Sud e la Campania, voglio ribadire che non farò mancare l’aiuto e la voce dell’amministrazione comunale ogni volta che sarà possibile fornire un contributo alle vertenze di lavoro”.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©