Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Successo per il delfino dell'ex Governatore

L'Editoriale, Bassolino batte Napolitano: avanti Cozzolino

Nella vittoria sospetto lo zampino dei Verdi

.

L'Editoriale, Bassolino batte Napolitano: avanti Cozzolino
24/01/2011, 10:01

Andrea Cozzolino sarà il candidato del centrosinistra alle prossime comunali di Napoli. L’europarlamentare ha sbaragliato le attese dell’apparato politico del Partito Democratico e si è aggiudicato l’ambita nomina. Sugli oltre 40.000 che hanno votato il 37,3 ha scelto per il delfino di Bassolino, il 35,7 ha votato Ranieri, la parte estrema della sinistra ha votato Libero Mancuso confermando il 15,6 % ed infine l’11,4% si è schierato in favore dell’attuale assessore alla cultura Nicola Oddati. Per Ranieri si è presentata una sconfitta inaspettata visto che la parte moderata del partito ha spinto con forza la sua candidatura con il placet del Presidente Giorgio Napolitano. Sembra essere ritornati alle elezioni provinciali di due anni fa dove Luigi Nicolais, candidato moderato del centrosinistra, rimase scottato dalla vittoria dell’attuale presidente Cesaro. La candidatura di Ranieri è stata sponsorizzata dal Presidente della Repubblica Napolitano. Inutili sono stati gli appelli dei rappresentanti della cultura napoletana che, insieme ai politici di nuovo corso che già siedono al comune ed alla provincia di Napoli, si sono schierati per l’ennesima volta contro quel sistema di potere che ha governato per 15 anni la Regione Campania ed hanno perso. Antonio Bassolino, politico di lungo corso con una presente ed attenta campagna politica sul territorio, è più forte del Capo dello Stato che ha sempre dichiarato amore per Napoli, ma l’ha lasciata morire lentamente mentre si godeva il TFR della propria carriera politica, sedendosi sulla poltrona del Quirinale. Ottimo risultato per Libero Mancuso, che dimostra quanto la sinistra sia stata presente ed abbia lavorato bene dopo la fusione dei partiti minori nella corrente vendoliana di Sinistra Ecologia e Libertà. Lì sì che c’è stato un vero voto d’opinione. Lo stesso vale per Nicola Oddati che ha conquistato il quarto ed ultimo posto senza appoggi esterni del suo partito o di chi gli ha dato i natali politici. Purtroppo alla fine di ogni tornata elettorale, da quelle di natura politica a quelle che designano l’amministratore di condominio di turno, si grida sempre allo scandalo se il risultato è inaspettato. Brogli o non brogli, Andrea Cozzolino deve essere il candidato per quel centrosinistra e quella coalizione dove il Partito Democratico (se è davvero democratico deve rendere conto della volontà popolare) la fa da padrone. Non ci resta che aspettare adesso chi scenderà in campo con il centrodestra e quale sorte politica attenderà l’UDC se correrà da solo o meno. Molti pensano che nella sconfitta di Umberto Ranieri ci sia lo zampino dei Verdi che prima organizzavano gli incontri all’università in favore di Cozzolino, poi hanno candidato Sorbillo, ritirando all’ultimo minuto la candidatura del giovane pizzaiolo per dare l’appoggio a Ranieri: storie di ordinaria politica democristiana.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©