Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Siglato accordo a Bacoli

Legalità, il progetto entra in classe


Legalità, il progetto entra in classe
07/10/2010, 17:10

BACOLI - Grazie a un accordo di partenariato, a due progetti scolastici approvati con le delibere 148 e 149 firmate dalla giunta del Sindaco Ermanno Schiano. 
 Il primo, presentato dall’Istituto Comprensivo Statale Plinio Il Vecchio (dirigente scolastico Filippo Gnolfo) prevede la condivisione del “Progetto Pon Obiettivo C-Azione C3: interventi di educazione ambientale, interculturale, sui diritti umani, sulla legalità e sul lavoro anche attraverso modalità di apprendimento informale” e il coinvolgimento, nelle attività di laboratorio, dell’Associazione Libera e di Asgam – Associazione Sostenitori Giovani Amici del Mare onlus.
La Città di Bacoli condivide anche il progetto presentato dall’Istituto Comprensivo Statale Antonio Gramsci (dirigente scolastico Ernesto del Re) “Percorsi di legalità”. Saranno coinvolti negli anni scolastici 2010/11 e 2011/12 gli alunni della scuola primaria e secondaria di I grado “le cui finalità – riportano le delibere - tendono a produrre una graduale ma solida presa di coscienza dei principi e delle regole alla base della convivenza civile, attraverso l’apprendimento in situazione, ossia l’acquisizione delle competenze mediante lo svolgimento di concrete attività presso istituzioni e soggetti pubblici e privati, che perseguono finalità nel campo della legalità, della democrazia, della tutela dell’ambiente e dei diritti umani”. 
Questo progetto prevede la partecipazione ai fondi europei – affermano il Sindaco, Ermanno Schiano, e l’Assessore alle Politiche Comunitarie, Giuseppe Scotto di Vetta – vista la situazione economico-finanziaria dell’Ente è fondamentale migliorare la capacità di attingere a risorse finanziarie esterne”. “A tal fine sono in corso attività di progettazione per partecipare ai bandi – continuano - nonché per individuare personale finalizzato all’attivazione di un Ufficio Europa; questo avrà il compito di assistere l’Ente e di essere un punto di riferimento per imprese e cittadini che vorranno usufruire dei fondi europei in via di programmazione dalla giunta Caldoro. L’Ente deve attivare quindi tutte le procedure per ottenere questi finanziamenti, che potranno contribuire a realizzare infrastrutture per la fruizione dei beni naturalistici e storici”. Con la delibera 147, al Vice Segretario Generale – Responsabile Settore I - Vincenzo Pedaci, è affidato “un piano per la formazione del personale interno finalizzata alla istituzione di un Ufficio Imprese, di un Ufficio Europa e di un Ufficio Igiene e Ambiente”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©