Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Sono i figli del “re” dello zucchero, Dante, morto nel 2004

Legami con i Casalesi, arrestati gli imprenditori Passarelli

Pignataro Maggiore, sigilli dell’Arma allo stabilimento Kero

.

Legami con i Casalesi, arrestati gli imprenditori Passarelli
18/03/2013, 09:42

PIGNATARO MAGGIORE - Arrestati per concorso esterno in associazione camorristica Biagio e Franco Passarelli, figli di Dante, l’imprenditore casertano morto una decina di anni fa in circostanze poco chiare e ritenuto organico al clan dei Casalesi. Sequestrati, inoltre, beni per un valore di circa 200 milioni di euro. L’operazione dei carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta ha permesso di eseguire un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Napoli su richiesta della locale Dda, nei confronti di cinque indagati. In carcere anche la moglie di Franco Passarelli e altre due persone. I due Passarelli sono considerati dagli investigatori vicini alla fazione Schiavone del clan dei Casalesi mentre alla donna e agli altri due indagati viene contestato il furto di 25 tonnellate di zucchero sotto sequestro per agevolare il gruppo criminale. Tra i beni sequestrati alcune società tra cui la “Commerciale Europea” Spa, titolare del marchio “Kero”, famosa marca dello zucchero casertano, per un valore complessivo di circa 200 milioni di euro. Complessivamente sono cinque le persone alle quali i carabinieri hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Per i pm della Dda, Biagio e Franco Passarelli sarebbero vicini alla fazione Schiavone del clan dei Casalesi. Franco era agli arresti domiciliari ed è stato trasferito in carcere insieme al fratello Biagio, che era libero. La moglie di Franco, Susanna Cantelli, è accusata - insieme a Giuseppe Ammaliato e Giuseppe Errico (anche loro arrestati oggi) - di avere rubato, nel luglio del 2010, 25 tonnellate di zucchero dalla ditta di famiglia che era sotto sequestro preventivo.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©