Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Lettera aperta di Squillante al Sindaco di Angri


Lettera aperta di Squillante al Sindaco di Angri
02/09/2011, 11:09

Lettera aperta di Squillante al Sindaco di Angri, Mauri, sulle 17 “stranezze” del suo primo anno di Amministrazione: "Con una lettera aperta, il capogruppo del PdL al consiglio comunale di Angri, Antonio Squillante, riflette ad alta voce sulle ultime vicissitudini politiche all’interno della maggioranza che fa capo al Sindaco Pasquale Mauri, ed elenca le 17 “stranezze” che ne hanno caratterizzato a suo avviso il primo anno di Amministrazione comunale.  Caro Pasquale, ti scrivo perché ritengo opportuno fare delle riflessioni, e confrontarmi con te, sulla nascita del nuovo gruppo consiliare “Indipendenti per Angri”. Ritengo, infatti, che l’intera vicenda non poteva non essere seguita con interesse ed attenzione da tutti i protagonisti dello scenario politico angrese.  Io e te siamo molto distanti sul piano politico, e fin qui nessun problema. Ciò di cui mi rammarico, però, è che tu non hai mai cercato di nascondere un’antipatia e un’ostilità ingiustificate nei miei riguardi, anche sul piano personale. Forse la spada di Damocle che pende sulla tua testa è proprio il fatto di non riuscire a tenere separata la sfera pubblica da quella privata.  Comunque, nonostante tutto, insisto a darti del “tu”, in quanto ritengo che dal punto di vista personale si debba sempre avere la capacità di mantenere dei rapporti civili e sereni, e ciò nonostante che, in tutta sincerità, molto spesso i tuoi atteggiamenti “dispotici” e “arroganti” mettano a dura prova chiunque osi non pensarla come te. Forse è stato proprio questo uno dei motivi per i quali il Presidente del Consiglio Comunale, Arturo Sorrentino, ed i consiglieri comunali Nordino Fiorelli, Alfonso Conte ed Emilio Testa, abbiano deciso di prendere le distanze dal tuo modo di far politica, e di gestire ed amministrare la città di Angri.  Per scongiurare il pericolo di essere accusati di “lesa maestà”, spesso chi ti sta vicino tollera continuamente i tuoi modi di fare, arbitrari e capricciosi. Tuttavia, arriva sempre il momento in cui -anche chi sembrava accontentarsi delle tue briciole - si stanca e si allontana da te. Ed in questi casi, sembra che tu abbia una risposta buona e valida per tutte le stagioni, accusando il “malcapitato” di turno di marciare contro il bene della comunità angrese, e di andare alla ricerca soltanto del suo tornaconto personale. Hai dato questa risposta anche ai quattro consiglieri che si sono allontanati da te, ma a ben vedere si tratta di un film già visto, di una musica già sentita … che rischiamo di dover riascoltare ancora per molto tempo. Se invece di prenderla sempre come una questione personale, e di adottare la politica del “O con me, o contro di me”, tu riuscissi ad accettare le critiche alla tua gestione ed ai provvedimenti adottati dalla tua amministrazione, forse potresti essere ancora in tempo ad evitare ulteriori danni per il nostro paese, ed a contribuire ad accentuare una guerra, interna alla tua maggioranza, che giorno dopo giorno si consuma senza esclusione di colpi. Di questo malcontento interno, si sentono già preoccupanti (per te e la tua amministrazione) campanelli d’allarme. Infatti, così come la fuoriuscita degli amici Arturo, Nordino, Alfonso ed Emilio dalla tua maggioranza era stata preannunciata, allo stesso modo altri tuoi “fedelissimi” (o farei meglio dire ex-fedelissimi) mi hanno confidato di nutrire forti dubbi su alcuni provvedimenti che “ordini” loro di sostenere. Quindi, anche qualche altro consigliere potrebbe seguire la strada tracciata dal nuovo gruppo “Indipendenti per Angri”. Mi sono più volte lamentato del fatto che non fai parlare e non dai la giusta attenzione alle opposizioni, ma posso constatare come ti comporti allo stesso modo pure all’interno della tua maggioranza. Se i “tuoi” NON POSSONO contraddirti, che rapporto potresti mai avere con noi che siamo all’opposizione? Il tuo modo di fare, arrogante, presuntuoso, stizzoso, irascibile, autocelebrativo fuori e dentro il consiglio comunale, se prima faceva ridere qualcuno, oggi fa soltanto piangere. Un sindaco che dichiara di essere vicino ai cittadini, deve fare dell'umiltà e della disponibilità la sua bandiera. Per questo motivo, mi permetto, sommessamente, di darti un piccolo consiglio: “Scendi dal piedistallo”, abbandona la lunga e arida schiera di “lecchini” che ti sta intorno, che non fa bene ad Angri (… e nemmeno a te), e sforzati di ascoltare di più i cittadini, senza aggredirli quando ti dicono ciò che pensano, e soprattutto quando si permettono di dire cose che a te non fanno piacere. Anche se tu non lo ammetti pubblicamente, in fondo sai bene che l’elemento costante in tutti quelli che si allontanano da te è quello di non voler condividere una politica scellerata, e di non volersi fare carico delle relative responsabilità di carattere amministrativo. Quando ti chiedo spiegazioni e risposte, anche di carattere tecnico, in consiglio comunale su alcuni provvedimenti poco chiari della tua amministrazione, ti trasformi nel protagonista di uno show, recitando (a dire il vero in modo piuttosto buffo e maldestro) la parte della vittima che cerca di perseguire solo il bene per Angri, ed accusando le opposizioni di fare polemiche strumentali e di volere il male di Angri. Ovviamente, è più facile dire che le opposizioni sono “brutte e cattive” piuttosto che dare risposte concrete a semplici domande. Colgo l’occasione, infine, per sottolineare alcune cose che, a mio avviso, dal punto di vista amministrativo non sono andate per il verso giusto. Spero, così, di svegliare da un sonno molto profondo i tuoi consiglieri di maggioranza, che ultimamente sembrano avere come modello di riferimento “la bella addormentata nel bosco”… e mi pongo l’obiettivo, probabilmente ambizioso, di farti capire come, in un paese democratico come il nostro, il rispetto delle opinioni delle minoranze deve essere garantito, e non passare come una gentile concessione di Sua Maestà.  Di seguito, riporto una serie di stranezze della tua amministrazione … a cui spero di vedere al più presto le opportune correzioni. Ovviamente, questo è solo un elenco approssimativo delle cose fatte in maniera errata, a cui va aggiunto anche quello delle cose non fatte, ed in tal caso la sintesi risulterebbe praticamente impossibile.  1. Affidamento del servizio di censimento del territorio comunale per la formazione di una banca dati finalizzata al recupero dei tributi alla SO.G.E.T. S.p.A., senza uno straccio di bando pubblico. Prevedendo in più un aggio a favore della stessa società, eccessivamente oneroso per il Comune di Angri. Questo affidamento, oltre ad essere illegale ed a violare i principi della concorrenza è, a mio avviso, anche poco conveniente per le casse comunali. Inoltre, già a prima vista sembra che le modalità di esecuzione lasciano molto a desiderare; infatti, non penso che la SO.G.E.T. possa accedere di autorità presso le abitazioni dei cittadini angresi. L’unica autorità che ha il potere di accedere presso il domicilio di un cittadino contro la sua volontà è quella giudiziaria. Quindi, su questo punto ti invito ad avere molta prudenza, in quanto si tratta di un campo minato. 2. Affidamento del servizio di consegna della corrispondenza dell'Ente ad una società privata. Anche in questo caso, l’affidamento è avvenuto senza uno straccio di bando pubblico. 3. Affidamento del servizio di assistenza alla redazione del PUC all’Università di Napoli per un importo di circa 400.000 euro. Anche in questo caso è stato effettuato l’affidamento diretto, senza alcuna selezione pubblica. 4. Proliferazione a dismisura delle consulenze degli incarichi di collaborazione. 5. Proliferazione delle Unità Operative Complesse del Comune. 6. Esecuzione di blitz punitivi notturni presso il comando dei Vigili Urbani. 7. Istituzione di inutili “Zone a Traffico Limitato”. 8. Promesse non mantenute circa i tempi di consegna degli alloggi IACP, illudendo gli assegnatari con date che puntualmente non vengono rispettate. 9. Apposizione dell’asfalto sulle più belle piazze e marciapiedi del nostro comune. 10. Molteplici pubblicazioni e ritiri dei concorsi per il comandante dei Vigili Urbani. 11. Sostituzione immotivata del Comandante dei Vigili Urbani e del Responsabile della UOC Programmazione e Risorse. 12. Approvazione e revoca di delibere di riconoscimento dei debiti fuori bilancio. 13. Disinteressamento per il salvataggio della U.S. Angri 1927. 14. Abbattimento selvaggio dei Pini di viale Europa. 15. Gestione del settore politiche sociale approssimativo ed irresponsabile, con particolare riguardo alla problematica del trasporto disabili. 16. Approvazione del Bilancio di Previsione 2011, privo della documentazione di accompagnamento prevista dalla Legge. 17. Mancata approvazione nei termini di legge del Bilancio Consuntivo relativo all’anno 2010. Come vedi il lavoro da fare è tanto. Ti consiglio, pertanto di concentrarti sul porre rimedio all’assurdità di alcuni provvedimenti per il bene della città … piuttosto che andare alla ricerca del sostegno di altri consiglieri. Lo consiglio per il tuo bene. I migliori saluti. Così una lettera a cura del Dott. Antonio Squillante, Assessore Provinciale Capo Gruppo Consiliare del PDL, Angri.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©