Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Il Cavaliere dovrà necessariamente mediare con il Carroccio

Liberare Napoli dai rifiuti? Ci vuole il permesso della Lega

“Della spazzatura napoletana neanche un etto qui al Nord”

Liberare Napoli dai rifiuti? Ci vuole il permesso della Lega
25/06/2011, 12:06

ROMA – Silvio Berlusconi annuncia che l’emergenza rifiuti sarà affrontata nel prossimo Consiglio dei ministri, il Capo dello Stato dal canto suo chiede per Napoli un impegno che sia duro e non di breve durata, ma su tutti è ancora una volta la Lega a mettersi di traverso, gelando tanto il premier quanto l’inquilino del Colle. Proprio in merito al prossimo Cdm piomba il grande punto interrogativo su come il presidente del Consiglio possa svincolarsi dal chiaro e netto “niet” del Carroccio. Nell’assicurare ai napoletani la soluzione alla drammatica emergenza rifiuti in tempi brevi, il Cavaliere non ha fatto i conti con la Lega Nord. Il Carroccio, infatti, ha lanciato un avvertimento, riassunto dalle parole dell’europarlamentare Mario Borghezio (“Della spazzatura napoletana non ne vogliamo neanche un etto qui al nord”) e da quelle del ministro Roberto Calderoli (“Non abbiamo visto alcun testo, ma niente truffe o voleranno le sedie”).
L’emergenza napoletana difficilmente potrà essere risolta senza il contributo esterno di altre Regioni: ne è convinto anche il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, che assicura un esecutivo al lavoro sul “trasferimento dei rifiuti fuori dalla Regione Campania”, in modo da “liberare le strade di Napoli dai cumuli a terra”. Ma i conti non tornano: è proprio questo, infatti, il punto che la Lega non intende accettare e sul quale già la scorsa settimana aveva fatto saltare l’accordo nel primo Consiglio dei ministri straordinario. In che modo se ne uscirà? Di sicuro il Cavaliere, benché abbia assicurato che si è al lavoro per questo, dovrà trovare una mediazione non facile con la Lega e di conseguenza anche con il suo partito. Questa eccessiva sudditanza nei confronti del popolo dei lumbard, infatti, pare inizi a creare non pochi malumori anche interni al Pdl stesso. Insomma, mentre Napoli è sommersa dall’immondizia, continua il muro contro muro tra Pdl e Lega. Il Carroccio si schiera contro il decreto rifiuti, mandando su tutte le furie Berlusconi.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©