Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Da diplomatico a docente di College in Alabama

L’Inchiesta su America’s Cup fa scappare il console Moore


.

L’Inchiesta su America’s Cup fa scappare il console Moore
13/06/2013, 13:58

NAPOLI – L’America’s Cup non è stata fatale solo per i Napoletani e per chi li governa, ma si registrano altre vittime illustri. Ci giunge voce che lascia l’incarico di console generale degli USA a Napoli Donald Lee Moore per dedicarsi all’insegnamento. Una decisione repentina, un fulmine a ciel sereno, scoccato proprio all’indomani dell’inchiesta sugli appalti e sul fiume di denaro che ha costellato le regate 2012 e 2013 di America’s Cup Napoli. E’ molto probabile, e nessuno si affretta a smentire, che il manifesto che vedeva il console a passeggio sul lungomare insieme al pluri indagato Mario Hubler, sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso già stracolmo di veleno e polemiche al vetriolo sui grandi eventi. Le nostre inchieste hanno nuovamente colpito nel segno e sono servite  a smascherare circostanze di cui non si ha idea, eventi per i quali denunciare non è solo un obbligo morale, ma un’esigenza di chiarezza. Il caso eclatante è quello del manifesto promosso dal Movimento Consumatori Italiani che ritrae Moore e Hubler insieme e porta la gente a riflettere: “La Coppa della Vergogna: Napoli crolla e loro ci guadagnano”. Inequivocabile il messaggio verità su circostanze, per altro ultimamente in via di accertamento da parte della magistratura, per le quali addirittura persino gli attacchini dei manifesti sono stati pesantemente minacciati ed in alcuni casi sequestrati per impedire loro di diffondere quel tipo di messaggio compromettente per il business di fondo. Questo il background sul quale matura la partenza del console Moore da Napoli che invece di tornare nella sua Florida, se ne va in Alabama a fare il ‘teacher’. Una fuga da Napoli o un periodo d’incarico terminato? Certo che la carriera diplomatica poco centra con l’insegnamento in un college, ma si sa, dagli Americani c’è da aspettarsi di tutto…

Commenta Stampa
di Girolamo Savonarola
Riproduzione riservata ©