Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Sequestrati beni per 15 milioni di euro

Lotta all'usura: Fiamme Gialle arrestano due fratelli

I "Coppola" imponevano interessi del 400%

.

Lotta all'usura: Fiamme Gialle arrestano due fratelli
19/07/2011, 14:07

TORRE ANNUNZIATA - Nuovo colpo all’usura nell’area vesuviana da parte della Fiamme Gialle. Questa mattina, la Compagnia della Guardia di Finanza di Casalnuovo, del Gruppo di Torre Annunziata, ha posto in esecuzione l'ordinanza cautelare personale e reale emessa dal Gip presso il Tribunale di Nola, a carico di due soggetti. Si tratta dei fratelli Arturo e Luigi Coppola di Sant'Anastasia, entrambi usurai, accusati di elargire prestiti applicando tassi usurari variabili tra il 50% ed il 400% a imprenditori del vesuviano. Le indagini, durate circa un anno, sono scaturite da una denuncia presentata presso la Procura di Noia da un imprenditore edile di Sant'Anastasia, da cui emergeva che la Coppola Fineuro Sri, società attiva nel settore dell'intermediazione finanziaria e di proprietà della famiglia Coppola, elargiva prestiti attraverso la modalità tipica del cambio assegni. Nel caso di specie, gli assegni portati per il cambio venivano decurtati del 50% del valore nominale con l'ulteriore imposizione che potessero essere incassati entro sei mesi o dodici in caso di cambiali. Qualora allo scadere del termine il titolo non fosse stato onorato, i Coppola imponevano il pagamento dell'intera somma nominale più le spese legali, fermi restando gli interessi applicati anticipatamente. Una stretta a cui non riusciva più a porre rimedio la vittima, costretta anche a vendere parte del proprio patrimonio per pagare i debiti. Dopo il fermo, la Guardia di Finanza ha posto a sequestro i beni dei fratelli Coppola, per un totale di 38 immobili, tra cui ville e appartamenti di pregio nei comuni di Sant'Anastasia, Pomigliano d'Arco, Torre del Greco, Volla, Cardito e Santa Maria di Castellabate, oltre a 14 terreni adibiti a frutteti e vigneti nei comuni di Santa Maria di Castellabate, Torre del Greco e Sant'Anastasia. Tutti beni per un valore totale prossimo ai 15.000.000 di euro.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©