Provincia / Giugliano

Commenta Stampa

M5S, minispazzatour con la Deputata Vega Colonnese


M5S, minispazzatour con la Deputata Vega Colonnese
21/10/2013, 14:37

GIUGLIANO - Dopo lo Spazzatour dei parlamentari del Movimento 5 Stelle di luglio scorso, gli attivisti di Giugliano, ogni domenica mattina, organizzano il minispazzatour con partenza alle 10 da Piazza Matteotti.
Questa domenica 20 ottobre 2013 insieme agli attivisti e ai cittadini giuglianesi c'è stata la cittadina deputata al Parlamento, Vega Colonnese.
Il percorso ha toccato nel dettaglio luoghi che con lo spazzatour non fu possibile raggiungere, come quelli appena "bonificati" al confine tra Giugliano e Parete, dove si è intervenuto usando un metodo molto discutibile, ovvero coprendo i rifiuti con terreno. Oppure l'area vasta di Giugliano dove sul bordo di un pozzo è stato rinvenuto mercurio nella caratteristica forma di sfere liquide.
Altri siti visitati dal minispazzatour sono stati la Resit, le balle dell'area vasta il cui percolato scorre indisturbato, il campo rom di fronte alla Gesen e via Bosco a Casacelle, dove a sversare e ad appiccare gli incendi, differentemente da quanto in genere si creda, non sono i rom.
Tra le tappe anche il sito individuato per costruire l'inceneritore.
L'iniziativa del M5S di Giugliano si spiega con il fatto che molti cittadini non conoscono fino in fondo lo scempio che si è perpetrato, e continua a perpetrarsi sulla loro Terra.
Al termine del minispazzatour la cittadina al Parlamento Vega Colonnese ha dichiarato:
"I ragazzi mi hanno portato in giro e mostrato non solo i siti delle ecoballe ma anche le tante discariche a cielo aperto presenti nel comune di Giugliano. Tra queste, una discarica accanto ad un "villaggio rom", dove i bambini ci hanno accolto e fatto strada. Abbiamo visitato un palazzo occupato dai nuovi poveri italiani, con lo stesso grado di disperazione di tanti popoli in fuga. Ho visto dove costruiranno l'inceneritore di Giugliano, passando davanti ad un'esercito di ragazzine schiavizzate sulle strade del Paese dell'Accoglienza. Poi sono ritornata nel bel centro di Giugliano in Campania, che mantiene il ricordo del posto fertile e ricco di tradizioni agricole che fu una volta. Ogni campagna elettorale, ogni decreto, ogni persona che si è affacciata in quel luogo ha parlato di bonifiche. Una notizia, la bonifiche non si fanno incendiando i rifiuti. Occorre chiudere il bando per l’inceneritore e affrontare in tutt’altro modo tutta l’enorme tragedia di questa Terra".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©