Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Operazione dell’Arma per il controllo del territorio

Maddaloni, lotta alla prostituzione: multati 3 clienti

E a Caserta picchia e rapina 2 prostitute, arrestato

.

Maddaloni, lotta alla prostituzione: multati 3 clienti
17/05/2013, 11:24

MADDALONI - A seguito di un’operazione straordinaria di controllo del territorio, volta, in modo particolare, a contrastare il fenomeno dello sfruttamento della prostituzione nelle aree periferiche del comune di Maddaloni, i carabinieri della locale stazione, coadiuvati dai militari delle compagnie carabinieri di Caserta e di Santa Maria Capua Vetere, hanno fermato tre clienti, che si accompagnavano ad altrettante prostitute, sanzionandoli, sul piano amministrativo, con multe per un importo complessivo di 1.500,00 euro. In tal modo, l’Arma ha dato esecuzione all’ordinanza emanata nei giorni scorsi dal commissario straordinario del Comune di Maddaloni, che ha deciso di dichiarare “guerra” allo sfruttamento della prostituzione sul territorio di pertinenza. Da Maddaloni a viale Carlo III, al confine tra i Comuni di Caserta e San Nicola la Strada dove, sempre nell’ambito di servizi di controllo straordinario del territorio, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Caserta hanno arrestato, in flagranza di reato, per tentata rapina Domenico Gallo, 46enne, di Caserta. I militari dell’Arma l’hanno arrestato mentre si dava precipitosamente alla fuga pochi istanti dopo aver percosso due meretrici e tentato di strappare loro la borsa, al fine di impossessarsi del danaro contante in loro possesso. Le donne, accompagnate al pronto soccorso dell’azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, sono state visitate e medicate dai sanitari che le hanno giudicate entrambe guaribili con prognosi di giorni 3 per contusioni multiple. L’arrestato, invece, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della compagnia carabinieri di Caserta in attesa del rito direttissimo che è stato disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

 

 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©