Provincia / Avellino

Commenta Stampa

Magico week-end di Natale a Lauro: sabato 17 torna “Il Paese di Natale”,


Magico week-end di Natale a Lauro: sabato 17 torna “Il Paese di Natale”,
13/12/2011, 16:12

Un week-end all’insegna della magia del Natale a Lauro (Av): si comincia sabato 17 dicembre, dalle ore 16 in via Terra si svolgerà la manifestazione Il Paese di Natale (rinviata sabato scorso a causa del maltempo). Nello splendido borgo medievale ai piedi del Castello Lancellotti si potranno trovare artigianato, arte culinaria, animazione, spettacoli e tante altre sorprese con tanta musica. Si tratta del primo appuntamento di “Lauro InVita – Magia di Natale”. Domenica 18 dicembre poi, doppio appuntamento: dalle 10.00 del mattino saranno allestiti i mercatini natalizi in Piazza Municipio mentre alle 20,30, l’ex Chiesa della Collegiata sarà trasformata in un teatro, reciteranno i detenuti dell’istituto penitenziario di Lauro, i quali, grazie alla fattiva collaborazione della compagnia teatrale “Gluck” di Avellino, si esibiranno nella pièce “Più leggero di un Suspir”, liberamente tratta da William Shakespeare. Si parte dunque, con uno degli eventi più attesi di “Lauro InVita – Magia di Natale”: tutta la favola del Natale in un solo paese, tra tradizioni tipiche e mercatini di Natale, e come in un vero villaggio medievale, artigiani mostreranno la loro abilità creativa. Tra gli stand, poi, ci saranno tantissime idee regalo, ma non solo, anche tantissime decorazioni per la casa, per il presepe e per l’albero di Natale. Tutto questo e molto altro ancora è “Il paese di Natale” a Lauro (Av) in programma sabato 17 dicembre nella scenografica Via Terra, domenica 18, poi, in programma i mercatini di Natale ed lo spettacolo teatrale “Più Leggero di un Suspir” per dare l’avvio ad un cartellone natalizio ricco di occasioni culturali, dagli spettacoli teatrali alle tradizionali cantate di Natale, dalle mostre di presepi alle installazioni artistiche, dai mercatini di Natale alle fiere e degustazioni enogastronomiche.

Il periodo natalizio è da sempre celebrazione di tradizioni tipiche, momento di confronto e di identificazione con la cultura del proprio territorio di appartenenza, cultura che reclama il suo spazio all’interno dei momenti di condivisione familiare. La fine dell’anno è anche momento di bilanci: nostalgica considerazione delle perdite e bisogno di proiettarsi nell’anno entrata con l’energia che proviene dalla speranza e dalla fiducia nel miglioramento. Per questi motivi si è pensato di dare vita ad eventi e attività diverse: “Il Natale dei piccoli”; “Il Natale della solidarietà”; “I concerti natalizi”; “I mercatini di Natale”. Immancabili i “I concerti natalizi” della tradizione, grazie ai quali in alcune delle chiese del paese si potranno ascoltare brani del repertorio classico e non solo per soddisfare tutti gli amatori. Si tratta insomma di un evento contenitore che permetta da una parte di invogliare la celebrazione delle ricorrenze natalizie e dall’altra parte di attrarre quante più persone possibili nel centro storico ma non solo. Con l’obiettivo di fare qualcosa di più rispetto al passato: un Natale con l’occhio rivolto anche ai più deboli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©