Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Disco verde nel corso di una riunione organizzativa

Marcianise, è Fecondo il candidato sindaco del Pd

Si lavora per compattare le anime del centrosinistra

.

Marcianise, è Fecondo il candidato sindaco del Pd
15/03/2013, 10:29

MARCIANISE - Archiviate, salvo ulteriori sorprese, le elezioni politiche, adesso l’attenzione si sposta sulle prossime amministrative. Tra i principali comuni che vanno al voto, in provincia di Caserta, figura quello di Marcianise, dove il Partito Democratico, battendo gli avversari sul tempo, ha deciso di ricandidare l’ex sindaco Filippo Fecondo. E, nel corso di una riunione organizzativa, in vista della tornata del 26 e del 27 maggio prossimi, è arrivato anche il via libera ufficiale. Presente lo stato maggiore del partito, con i membri del direttivo, gli ex consiglieri comunali Alberto Abbate e Peppe Bucci, l'ex segretario del Pd provinciale Dario Abbate, gli ex assessori Enzo Foglia e Telia Frattolillo, ma anche volti nuovi, molti dei quali hanno già dato la loro disponibilità per una candidatura a consigliere comunale. A coordinare i lavori il segretario Angelo Raucci che si è detto entusiasta del lavoro svolto dal partito finora che, attraverso una comune visione di intenti, è riuscito a strutturarsi ed organizzarsi in maniera coesa. "Un lavoro - spiega Raucci – che vede insieme convivere vecchie e giovani generazioni, nuovi iscritti ed ex amministratori comunali, tutti uniti con l'obiettivo comune di ritornare presto al governo della città". Alla riunione è intervenuto anche il candidato sindaco Filippo Fecondo che ha mosso un duro attacco a quelle che lui considera le "cariatidi politiche della nostra città, che ne soffocano da anni lo sviluppo e la tengono ostaggio della loro bramosia di potere". "Faremo una campagna elettorale – ha continuato Fecondo - accanto ai nostri cittadini per spiegare in che modo intendiamo risolvere i loro problemi e far uscire dallo stallo la città di Marcianise. Nelle prossime settimane comunicheremo, anche attraverso incontri diretti, il nostro progetto amministrativo a cui stanno aderendo sia associazioni politiche che partiti tradizionali del centrosinistra".

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©