Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

A coordinare l'operazione è il Comandante Piccirilli

Mare sicuro: aumentano i controlli sulla filiera della pesca

La Guardia Costiera di Pozzuoli intensifica le operazioni

Mare sicuro: aumentano i controlli sulla filiera della pesca
15/06/2011, 13:06

POZZUOLI (NA) - Gli uomini della Guardia Costiera di Castelvolturno, nell’ambito della più vasta operazione denominata “MARE SICURO 2011, coordinata dal Comandante della Capitaneria di Porto di Pozzuoli, T.V. (CP) Caterina Piccirilli, hanno intensificato i controlli relativi alla filiera della pesca con particolare riguardo alle nuove disposizioni inerenti la pesca professionale e sportiva. I controlli di questi giorni sono mirati al controllo dello sbarco del pescato nella darsena San Bartolomeo del Comune di Castelvolturno interessata ormai da tempo da un provvedimento, da parte della competente Autorità Sanitaria, di sospensione del punto di sbarco per mancanza dei requisiti igienico – sanitari, provvedimento poi ripreso dal D.D Regione Campania nel quale non figura il Porto di Castelvolturno quale punto di sbarco del pescato. Le vaste operazioni condotte dai militari congiuntamente all’asl di Caserta hanno portato al deferimento di alcuni pescatori all’Autorità Giudiziaria per la violazione dell’art 650 cp per l’inosservanza di norme legalmente date dall’autorità in materia di igiene. L’intervento in materia di pesca si estenderà al controllo della pesca di frodo lungo tutto il litorale domitio, con l’ausilio a mare della Motovedetta del Corpo delle Capitanerie di Porto, al fine di sensibilizzare l’utenza al rispetto delle normative vigenti in materia di pesca. Giova ricordare che la darsena San Bartolomeo del Comune di Castel Volturno ad oggi non è sito idoneo allo sbarco del pescato. L’operazione effettuata è solo la prima di una serie di controlli rientranti nella piu’ vasta operazione denominata MARE SICURO 2011 che impegnerà gli uomini della locale Capitaneria di Porto di Castelvolturno, al fine di prevenire e dove necessario reprimere comportamenti palesemente in contrasto con le normative vigenti in materia di pesca.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©