Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Marino: “sindacati fondamentali per far ripartire lo sviluppo”


Marino: “sindacati fondamentali per far ripartire lo sviluppo”
02/05/2011, 18:05

Il candidato sindaco del centrosinistra, Carlo Marino, ha incontrato l’ex segretario della Cgil e presidente della Fondazione Trentin, Gugliemo Epifani, all’hotel Europa, nel corso di un’iniziativa organizzata dal sindacato su lavoro, sviluppo e legalità.
“Il lavoro è l’unico punto del nostro programma di governo, da cui far scaturire tutti gli altri, perché non abbiamo più tempo da perdere: le nostre aziende sono in crisi, i lavoratori delusi, a loro va restituita innanzitutto la speranza del cambiamento”, ha esordito Marino. Accanto a lui il segretario provinciale della Cgil, Camilla Bernabei, che ha rilanciato lo sciopero generale del prossimo 6 maggio, “un’iniziativa forte di fronte a un governo assente” ha spiegato.
Dirigenti, iscritti e simpatizzanti della Cgil hanno voluto discutere del programma di Marino. Per il candidato sindaco del nuovo Ulivo, le priorità su cui puntare per creare opportunità occupazionali sono quattro progetti strategici: realizzazione del Policlinico, filiera culturale con la Fondazione per la valorizzazione turistica, Consorzio pubblico-privato per il centro commerciale naturale, sburocratizzazione della macchina amministrativa.
Nella partita per lo sviluppo di Caserta “i sindacati – ha sottolineato Marino – giocano un ruolo fondamentale, soprattutto nell’ottica della rete istituzionale che intendiamo realizzare. Il programma di governo che abbiamo messo in campo, infatti, richiede un ruolo non solo di supporto, ma anche propulsivo. C’è bisogno di sigle sempre più autorevoli e unite, per far recuperare a Caserta il ruolo di guida dell’intera provincia”.
Nel suo intervento, Epifani ha analizzato la crisi del Paese: “Da un lato – ha sostenuto – l’Italia non cresce e dall’altro assistiamo a una restrizione della capacità di spesa, ma il centrodestra continua a negare i problemi. Se dalle prossime amministrative emergerà invece una forte domanda di cambiamento, allora il governo non potrà più far finta di nulla. Qui sta l’importanza di queste elezioni, soprattutto a Caserta, dove c’è bisogno di assoluta trasparenza delle liste in campo, per garantire la legalità. Marino sta offrendo una prospettiva di cambiamento ai casertani, incarnando i valori del nostro sindacato, pertanto tutti noi della Cgil lavoreremo per la sua vittoria”.
Prima della manifestazione con Epifani, il candidato sindaco in mattinata ha incontrato il segretario provinciale della Uil, Antonio Farinari, nella sede di via Roma. “Insieme – ha detto Marino – dobbiamo cercare un nuovo equilibrio tra sviluppo del territorio e tutela sociale, anche attraverso nuovi strumenti giuridici, come la Fondazione”.
Un concetto rilanciato anche nel corso del convegno inaugurale della mostra su “L’Unità d’Italia vista da San Leucio: Caserta e Terra di Lavoro nel processo di unificazione nazionale”, organizzato dall’Ateneo casertano. “Caserta e San Leucio sono particolarmente importanti – ha concluso Marino – perché oggetto nel Settecento del più grande progetto illuministico europeo, in cui si misurarono sul campo le grandi utopie riformatrici. Noi abbiamo intenzione di attualizzare quel progetto così ambizioso, rimettendo al centro dell’agenda di governo il lavoro”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©