Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Ex Udeur presenta il programma.Nel Pdl è fuga

Mastella:"Un candidato per Pozzuoli non schiavo della macchina comunale"


Mastella:'Un candidato per Pozzuoli non schiavo della macchina comunale'
30/11/2010, 23:11

Amministrative, nella sede dei Popolari per il Sud di Pozzuoli, si sono riuniti sotto la presidenza del Commissario cittadino Giovanni Della Corte, i componenti del Direttivo Provvisorio, in attesa della celebrazione del Congresso che si svolgera' dopo le elezioni comunali. Il Commissario ha informato che il tesseramento si aprira' il 1 dicembre e si concludera' il 31 gennaio 2011. "I Popolari per il Sud - recita una nota - in questa tornata elettorale si impegnano a promuovere iniziative per dare un segnale forte alla riqualificazione urbanistica, al rilancio del commercio, guardando con particolare interesse alla realizzazione di parcheggi: studiare la possibilita' di realizzare un parcheggio multipiano al di sotto dell'attuale parcheggio Fs e collegarlo alla Piazza ex palazzine; verificare la possibilita' di utilizzare i vani sottostanti Piazza a Mare. Completamento del porto di Pozzuoli con la realizzazione delle banchine su cui si prevede la localizzazione della nuova darsena dei traghetti. Riordino del Centro Storico, realizzazione del Water Front, al recupero delle aree dismesse a alla partecipazione delle periferie; istituire presso il comune un ufficio preposto ai rapporti con le istituzioni che realizzi progetti per accedere ai finanziamenti programmati e diretti della Comunita' Europea per il periodo 2007/2013". Secondo i mastelliani per realizzare tutto cio' "occorre un candidato sindaco che abbia il riconoscimento di tutti i partiti che compongono la coalizione e che affronti i problemi per il riscatto del territorio: un primo cittadino che conosce appiena la macchina comunale e che non sia vittima della burocrazia comunale. Infine Della Corte in sintonia con il segretario tegionale Giulio Di Donato e il Direttivo, ha nominato i responsabili delle commissioni interne al partito".
Intanto gli smottamenti in seno al centrodestra, o meglio al Pdl, dove preoccupa un partito costrutito su soggetti individuale, e senza logiche di squadra, aprono una vera diaspora.
A Pozzuoli, gli ex consiglieri comunali Aldo Maddaluno e Gino Oriani, hanno lasciato il Pdl e ufficializzato la loro adesione ai Popolari per il Sud.
"La decisione di lasciare un partito che, in sostanza, non è mai stato tale, muove dalla mancanza di ogni democrazia interna, sinergia e collegialità nelle decisioni - hanno spiegato in una nota -. È altresì ispirata dalla evidente carenza di una struttura partitica nonché di una guida realmente autorevole. La scelta invece di aderire ad un partito giovane come i Popolari per il Sud viene da una voglia forte di tornare ad occuparsi di politica, con iniziative concretamente volte al benessere sociale della comunità puteolana. Convinti - concludono Maddaluno ed Oriani - di entrare a far parte di un soggetto partitico che con ruoli interni definiti e con un programma già delineato e condiviso, rappresentano nel comune di Pozzuoli l’unica vera novità politica degna di nota".
Altri quattro ex consiglieri Pdl starebbero invece lavorando ad un passaggio nell'Udc.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©