Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Due belle iniziative giunte alla loro terza edizione

Mercato di Natale e presepe vivente a Licola

Doppia occasione per una giornata interessante

Mercato di Natale e presepe vivente a Licola
06/12/2012, 22:52

POZZUOLI - E' giunta alla terza edizione la bella proposta del Mercato di Natale e del Presepe vivente organizzati nell'area dell'azienda agraria dell'I.S.I.S. “Falcone”, sita a Licola. Entrambe le iniziative saranno in piedi dal 7 dicembre al 9 dicembre e dal 14 dicembre al 16 dicembre. Gli ospiti avranno la possibilità di visitare l'intero istituto, l'azienda agraria, le serre e il meraviglioso parco archeologico, acquistando (facoltativamente) i prodotti della sua bottega (mostarde, rosoli, conserve e produzioni ortofrutticole, composte, marmellate ma anche miele ed olio) o quelli proposti dagli oltre sessanta espositori presenti. Espositori che provengono dai più disparati comparti: floricolo, artigianato locale e agroalimentare. Un modo interessante per i puteolani e non di pensare in maniera naturale ai regali di natale. Saranno presenti infatti, sui vari stands, anche addobbi ed oggetti di artigianato artistico oltre, ovviamente, ad una ricca offerta di cibo di strada e osterie dove assaggiare e (presumibilmente) apprezzare i migliori piatti della tradizione culinaria partenopea ed ovviamente flegrea. Il cuore della manifestazione sarà il Presepe Vivente in stile Settecento Napoletano, messo in piedi nel parco archeologico dell'azienda stessa. Si riporteranno in vita, dunque, le atmosfere dei più celebri presepi della scuola partenopea, dislocando gli attori lungo l'antichissima e famosissima via Domiziana, in un'esplosione di colori, luci e capanne che ospiteranno ed illumineranno oltre tre centinaia di figuranti in una ventina di scene differenti. Un lavoro degno di nota che riporterà in vita scene antiche, mestieri quasi dimenticati, venditori ambulanti e musicanti di ogni specie. Ma anche dame orientali, falegnami, calzolai, contadini e pastori, vasai e lavandaie ed ovviamente pescatori. Tutto ciò per rappresentare al meglio il laborioso popolo puteolano, provando a non far perdere la memoria e le tradizioni della nostra città, che sempre più velocemente sembrano procedere (soprattutto nelle nuove generazioni) nel dimenticatorio. Una bella occasione per una passeggiata pre-natalizia in famiglia: divertente e culturale allo stesso tempo.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©