Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Mondragone, A.Taglialatela: «Commissioni Consiliari illegittime, invito le opposizioni a dimettersi»


Mondragone, A.Taglialatela: «Commissioni Consiliari illegittime, invito le opposizioni a dimettersi»
19/10/2012, 13:33

 


Invito le forze politiche dell’opposizione a far dimettere i propri consiglieri comunali dalle Commissioni Consiliari che in maniera arrogante e illegittima la maggioranza Schiappa ha deliberato con atto di forza, poco democratico, infrangendo la normativa regolamentare in materia - afferma lapidario il Coordinatore cittadino del Psi, Antonio Taglialatela -

Un gesto forte e chiaro che va nella direzione che da settimane coerentemente denunciamo: un centrodestra Schiappa, arrogante, incapace di governare e irriguardoso nei confronti dei cittadini e delle Istituzioni.

La Mozione di sfiducia che le minoranze si apprestano a varare nei confronti del Presidente del Consiglio Comunale è un atto legittimo che però, oggi, secondo noi, rappresenta solo una minima parte di iniziativa politica rispetto invece alle continue omissioni e inadempienze che caratterizzano questa maggioranza neomelodica. Di questo passo, crediamo, la sfiducia cresce nei cittadini, Studenti, operatori commerciali, associazioni, fasce sociali deboli le quali sono sempre più abbandonate al loro triste destino.

Siamo stufi dei soliti valzer di potere di questa politica, del Pdl e del centrodestra cittadino, i quali nel “litigare e fare pace”, mirano solo ad accaparrarsi incarichi, poltrone e clientele e, nel frattempo, qualcuno si prepara verso la scalata  politica nazionale.

In una città travolta, nel recente passato, da episodi gravissimi, che per incapacità gestionale o per la peculiare capacità criminogena, hanno prodotto un debito comunale di circa 14 milioni di euro, oggi più che mai s'impone l'esigenza di mettere al bando i famelici soggetti che fanno politica da anni, partendo dal rinnovamento profondo di una cultura politica, indipendentemente dai singoli ruoli, dalle specifiche appartenenze partitiche, per contribuire, così, ad aprire una nuova fase di  alternativa in un periodo in cui la Città è privata di Governo e governabilità”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©