Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Escalation criminale sul territorio flegreo

Monterusciello nel mirino dei balordi, assalti in case e negozi

Scatta l'allarme nelle periferie di Pozzuoli

Monterusciello nel mirino dei balordi, assalti in case e negozi
26/10/2011, 13:10

POZZUOLI (NA) - Il maltempo non sembra aver creato alcun impedimento a ladri e rapinatori. Anzi, a pioggia, sono arrivati proprio i saccheggi in appartamento, così come nelle attività commerciali. Nel mirino delle bande c’è la “capitale” flegrea e in particolare la sua periferia. Una serie di colpi a catena sta investendo il megaquartiere popolare di Monterusciello; l’emergenza criminalità, che non sembra aver fine, sta alimentando statistiche poco lusinghiere rispetto agli scorsi anni. Di qualche giorno fa un nuovo furto nella cooperativa “La Benemerita” di via Giuseppe Pagano ai danni della famiglia P. “Si sono introdotti nella nostra villetta nel tardo pomeriggio – ci racconta la proprietaria – Sicuramente erano certi di non trovare nessuno. Hanno forzato la veranda, senza preoccuparsi di poter incuriosire i vicini per i rumori. Il danno è ancora in via di quantificazione; hanno comunque fatto razzie di tutti gli oggettini d’oro e orologi che avevamo in casa. Ciò che mi ha colpito è un guanto, che ho trovato sul letto; sembra quasi sia stato lasciato di proposito dalla banda come firma o segno di riconoscimento”. La periferia puteolana continua, dunque, ad essere teatro di numerose azioni malavitose, che hanno visto nelle ultime settimane esercizi commerciali ed abitazioni oggetto di balordi, che stanno mettendo a segno furti e danni abbastanza consistenti. Risale a qualche giorno fa anche la rapina a mano armata perpetrata ai danni di una nota tabaccheria del megaquartiere. Senza voler poi omettere quanto questa realtà sia spesso sfondo di atti di violenza, che si sono conclusi con arresti e ricoveri in ospedale per lesioni anche piuttosto gravi. Insomma i segni della microcriminalità sono ormai sempre più evidenti e tale situazione sta generando con il passar del tempo forti timori nei residenti, che sentono di non vivere più in un luogo sicuro, ma solo minato da incresciosi accadimenti. “Non viviamo più in maniera serena – affermano i residenti e i commercianti del posto, mentre lanciano un appello alle istituzioni - Non crediamo sia giusto girare la sera per le strade con il rischio di essere aggrediti o uscire di casa ed avere il timore che qualcuno possa derubare la nostra abitazione. Spesso i malviventi entrano in casa anche quando i proprietari dormono, narcotizzandoli e portando via ogni cosa. Chiediamo alle istituzioni più sicurezza, più controlli da parte degli enti preposti che ad oggi sembrano non accorgersi di questo fenomeno. Quando e dove vengono effettuati i controlli sul territorio di Monterusciello? Perché non si adottano provvedimenti che vedono anche l’ausilio della vigilanza privata in zone più a rischio? La sera ci stiamo sbarrando in casa con catenacci e porte blindate; paghiamo centinaia e centinaia di euro per tutelarci con antifurti e sistemi all’ultima moda, ma crediamo comunque che le istituzioni abbiano il diritto di difendere il cittadino e la sua incolumità”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©