Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Napoli, il lavoro nella Cultura. Scenari per un rilancio del settore in Campania


Napoli, il lavoro nella Cultura. Scenari per un rilancio del settore in Campania
19/01/2011, 16:01

Napoli, 19 gennaio 2011 - Quella dello spettacolo, in Campania, è una vera a propria industria che conta circa 12000 lavoratori e che, però, in linea con la crisi economica del resto d’Italia, affronta un momento di grande criticità. Proprio ora, quindi, ha bisogno d’essere supportata e certo non definitivamente distrutta con tagli alle risorse di cui questa grande azienda ha bisogno per essere produttiva.

L’incontro che si terrà il 20 gennaio presso l’Hotel Oriente in via Diaz, 44 a Napoli, vuole sottolineare il ruolo che lo spettacolo ricopre – o almeno potrebbe ricoprire – sul piano dello sviluppo e della crescita economica, nonché sulla qualità della vita, nonostante, e proprio grazie alla crisi.

L’incontro sarà introdotto da Gianluca Daniele, Segretario della Camera del Lavoro Metropolitana di Napoli, seguiranno poi gli interventi di Michele Gravano, Segretario Generale della Cgil Campania, di Renato Carpentieri, autore, attore e regista teatrale, di Rachele Furfaro e del critico Giulio Baffi. L’argomento sarà poi dibattuto dal Guglielmo Epifani e da Stefano Caldoro.

Numerosi sono stati gli artisti e gli addetti ai lavori del panorama partenopeo e non solo che hanno aderito e presenzieranno all’iniziativa tra cui si leggono i nomi di: Massimo Abbruzzese, Laura Angiulli, Peppe Barra, Paolo Caiazzo, Luigi Grispello, Isa Danieli, Sal Da Vinci, Rosaria De Cicco, Luciano Dell’Isola, Maurizio Feriaud, Rosalba Lo Iudice, Caterina Miraglia, Maria Nazionale, Antonio Onorato, Silvio Orlando, Francesco Paolantoni, Rosalia Porcaro, Rosanna Purchia, Daniele Sepe, Valentina Stella, Valeria Vaiano, Peppe Vessicchio, E Zezi gruppo operaio, Lavoratori e Artisti del Teatro di San Carlo, del Teatro Verdi, del Teatro Mercadante, del Teatro Trianon Viviani e del Centro Produzione Televisiva RAI di Napoli.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©