Provincia / Nola

Commenta Stampa

Nola, Centro di Ascolto contro la violenza sulle Donne


Nola, Centro di Ascolto contro la violenza sulle Donne
01/04/2011, 11:04

“Conoscere ed affrontare insieme i tuoi problemi”: è lo slogan del Progetto Ascolto promosso dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Nola, presieduta da Restituta De Lucia. Un progetto che prevede un punto d’ascolto dove le donne, di qualsiasi fascia di età, vittime di “violenza” o che sono costrette a vivere situazioni di grave disagio socio-psichico, possono rivolgersi, anche in forma anonima, per avere il sostegno necessario che le porti ad uscire fuori dal tunnel e a riprendere in mano la propria vita. A raccogliere i disagi delle donne delle urne appositamente istituite presso la Casa Comunale, l’Ospedale civile cittadino, l’Asl, le parrocchie e le scuole medie superiori.

Abbandono, isolamento, maltrattamenti, mobbing, solitudine, stalking, violenza: tanti motivi per gridare aiuto.

“Bisogna rompere il muro di omertà – ha dichiarato la Presidente della Commissione Pari Opportunità, Restituta De Lucia –. Puntare maggiormente alla sensibilizzazione di fenomeni di violenza è l’obiettivo principale della nostra iniziativa. La violenza sulle donne, sotto ogni forma, oltre ad essere un reato, è una forte umiliazione per chi la subisce, che può provocare insicurezza, disagi psichici e depressione. E’ molto difficile oggi affrontare le conseguenze dell’abuso, per questo nasce lo Sportello Donna, per offrire ascolto gratuito a tutte le donne in difficoltà che vogliono comunque proteggere il loro anonimato”.

“Contiamo di allargarci presto, magari formando una rete in città – ha dichiarato il consigliere comunale, Cinzia Trinchese –. A breve partiremo con una serie di convegni aperti all’intera cittadinanza, in cui affronteremo il tema della violenza nei suoi vari aspetti. E’ un progetto lodevole al quale le istituzioni devono dare il proprio sostegno incondizionato. Un servizio di protezione per donne e minori vittime di violenza, che offre un luogo protetto in cui vivere”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©