Provincia / Nola

Commenta Stampa

Nola ricorda il suo “figlio” Giordano Bruno


Nola ricorda il suo “figlio” Giordano Bruno
15/02/2011, 17:02

411 anni fa moriva sul rogo Giordano Bruno, poeta dell’infinito, martire della libertà di pensiero. Era l’alba del 17 febbraio del 1600.

Oggi, dopo 411 lunghissimi anni, la città di Nola, che gli diede i natali, lo ricorda attraverso una serie di appuntamenti. Ricco ed articolato il programma delle manifestazioni. Ad aprire la “settimana Bruniana”, i “Dialoghi sulla nolana filosophia…di Bruno, della causa prima e di altre costellazioni”, incontro con il filosofo Giulio Giorello, indetto ed organizzato dall’Associazione “Giordano Bruno” di Nola, con il patrocinio dell’Ente di piazza Duomo. L’appuntamento è per domani, mercoledì 16 febbraio 2011, alle ore 17.00, presso la Sala Convegni del Museo Archeologico di Nola. A seguire, la “Cena delle Ceneri” presso l’Eremo dei Camaldoli, ripercorrerà in chiave gastronomico-culturale il pensiero del filosofo nolano.

Giovedì 17 febbraio 2011 invece, nel giorno dedicato al suo martirio, alle 10.00 in punto, l’Amministrazione Comunale deporrà la consueta corona di alloro al monumento di Bruno posizionato nell’omonima piazza. Alla cerimonia parteciperanno il Sindaco, Geremia Biancardi, Consiglieri ed Assessori comunali, Autorità civili e militari e gli alunni delle scuole medie superiori cittadine. Nel pomeriggio una delegazione guidata dall’Assessore ai Beni Culturali, Maria Grazia De Lucia, si recherà a Roma per deporre una corona di alloro in Campo Dei Fiori mentre, alle 17.00, a Nola, presso il Salone delle Armi del Tribunale di Palazzo Orsini, si terrà il convegno organizzato dal Lions Club “Giordano Bruno” di Nola dal tema “Giustizia e Legalità” con gli studiosi Aldo Masullo ed Aniello Montano.

Il ciclo di incontri per ricordare il grande Filosofo nolano, vedrà il culmine sabato 19 febbraio 2011, alle ore 17.00 presso l’aula consiliare dell’Ente di Piazza Duomo, con il seminario di studio curato dal Prof. Aniello Montano dal tema “Bruno e l’idea di Nazione”, incontro quest’ultimo, inserito anche nelle celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia.

“Il 17 febbraio è il giorno di ricordo e commemorazione di un Figlio della terra nolana – ha dichiarato l’Assessore ai Beni Culturali, Maria Grazia De Lucia -, di un grande del pensiero libero, risvegliatore delle anime dormienti, domatore dell’ignoranza presuntuosa e recalcitrante, odiato dai propagatori di idiozie e dagli ipocriti, il cui genio è applaudito dai nobili. Grazie Nola – ha concluso De Lucia –, per aver dato i natali ad un grande che rende grande la nostra Città”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©