Provincia / Nola

Commenta Stampa

Il riscatto richiesto ammontava a 5 milioni di euro

Nola: rintracciata l'auto di Antonio Buglione


Nola: rintracciata l'auto di Antonio Buglione
13/09/2010, 21:09

NOLA - Secondo le prime indiscrezioni, per il rilascio dell'imprenditore napoletano Antonio Buglione, 54 anni e già arrestato in passato per associazione di stampo camorristico, i rapitori avrebbero richiesto cinque milioni di euro.
I carabinieri di Castello di Cisterna che si occupano del caso, dopo le prime ricerche, hanno trovato l'auto del sequestrato; prelevato con la forza mentre si trovava nella propria abitazione. Al momento non si conoscono le modalità nè il movente dell'azione che ha portato al rapimento di un personaggio che ha una storia giudiziaria convulsa e non del tutto limpida. Fratello del sindaco di Saviano Rosa Buglione, Antonio è stato infatti coinvolto in diverse inchieste con l'accusa di avere rapporti diretti con la camorra.
Titolare dell'azienda di vigilanza privanta "Vigilante 2", poi trasformata in "International Security Service", già nel non troppo lontano 1993 sfuggì miracolosamente ad un attentato avvenuto sempre nel nolano. Due anni più tardi, al termine di un'inchiesta nella quale rimasero coinvolti anche l'ex parlamentare, Carmine Mensorio, poi suicidatosi, e l'ex prefetto di Napoli,
Umberto Improta, Buglione venne arrestato con l'accusa collegata al 416 bis e al tentativo di estorsione.
La pista tracciata dai giudici, difatti, portò a collegare la società Vigilante 2 di Antonio Buglione e Vigilante 3 del fratello Carmine direttamente ai boss della malavita nolana; primo fra tutti Carmine Alfieri.
Passano gli anni e l'imprenditore napoletano viene trascinato in altre inchieste. La prima, nel 2008,  ha coinvolto anche il consigliere regionale del Pdl campano
Roberto Conte ed era riferita alla creazione della società "Europa Immobiliare"; gestita dai due e beneficiaria di alcuni contratti di fitto dalle cifre record per diversi locali che sarebbero poi stati utilizzati dal Consiglio Regionale della Campania. Passano due anni e Buglione viene coinvolto in un altro delicato lavoro d'indagine della magistratura che vede spuntare anche il nome del senatore del Pdl Vincenzo Nespoli.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©