Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Diversi i reati contestati dall'Arma, recuperata refurtiva

Operazione Pasqua Sicura, 7 arresti e 80 denunce nel Matesino

Sequestrati armi, droga, banconote false e alimenti avariati

.

Operazione Pasqua Sicura, 7 arresti e 80 denunce nel Matesino
02/04/2013, 10:12

PIEDIMONTE MATESE - Sette arresti, ottanta denunce e numerosi sequestri sono i risultati dell’operazione “Pasqua Sicura” messa in campo dai carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese, che si sono avvalsi anche della preziosa collaborazione di un elicottero dell’Arma. Le attività portate avanti ininterrottamente e che hanno interessato il territorio matesino, hanno visto un notevole impegno da parte dei militari delle locali stazioni e del nucleo operativo e radiomobile. Le sette persone tratte in arresto si sono rese responsabili, a vario titolo, di reati che vanno dal furto aggravato alla ricettazione, dallo spaccio di stupefacenti allo sfruttamento della prostituzione e ad altri reati contro il patrimonio e la persona. Le 80 persone denunciate all’autorità giudiziaria dovranno invece rispondere tra l’altro di reati contro l’ambiente e la salute pubblica, come l’abusivismo edilizio o violazioni in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro e in materia di smaltimento illecito di rifiuti, fino ad altri reati di particolare allarme sociale come quelli di furto, truffa, commercio abusivo, minacce, lesioni personali, maltrattamenti in famiglia, rissa aggravata, appropriazione indebita e spendita di monete false, nonché reati in materia di armi e droga. Nel corso delle varie operazioni sono finiti sotto sequestro 5 fucili, 3 pistole, oltre 100 munizioni, decine di dosi di hashish, banconote false, uno studio dentistico abusivo, 2 cantieri edili per un valore complessivo di circa trecentomila euro, 50 chilogrammi di derrate alimentari per motivi igienico-sanitari, una discarica abusiva, un camion carico di rifiuti speciali per circa 10 quintali e altro materiale di provenienza illecita. Recuperata infine refurtiva per un valore di oltre diecimila euro.

 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©