Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Nella disponibilità degli eredi del boss barese Stramaglia

Orta di Atella, Dia confisca un allevamento di cavalli -video

Passano allo Stato beni per complessivi 1,5mln di euro

.

Orta di Atella, Dia confisca un allevamento di cavalli -video
21/03/2014, 12:49

ORTA DI ATELLA - La Direzione Investigativa Antimafia di Bari ha eseguito la confisca di un centro ippico del casertano e di beni immobili, per un valore complessivo di 1,5mln di euro, riconducibili agli eredi del defunto boss Angelo Michele Stramaglia, assassinato il 24 aprile 2009 e ritenuto il luogotenente del boss barese Savinuccio Parisi. L’allevamento confiscato si trova ad Orta di Atella ed è completo di stalle e di attrezzature sportive, come la giostra per l’allenamento dei cavalli. Il provvedimento eseguito nella giornata di oggi è stato disposto dalla sezione per le misure di prevenzione del Tribunale di Bari e fa seguito al sequestro preventivo risalente al primo agosto del 2012. Nell’ambito dell’operazione denominata “Ferro di Cavallo”, la Dia di Bari ha individuato l’allevamento “Arena sas”, ubicato nel comune dell’agro aversano, formalmente intestato a due napoletani ma, in realtà, stando all’accusa nella indiretta disponibilità del boss Stramaglia attraverso prestanome e uomini di fiducia e, quindi, dopo il suo decesso, riconducibile al figlio e alla nuora. Dei sette cavalli dell’allevamento, il Tribunale di Bari ne ha disposto la confisca per due, essendo altri due morti e tre venduti a terzi, che risultano estranei ai fatti contestati. Proprio le somme derivanti dalla vendita dei cavalli – nell’allevamento ci sono stati fino a 14 esemplari – sono risultate incassate dagli eredi Stramaglia e quindi, quale frutto di beni di provenienza illecita, confiscate assieme all’importo corrispondente alle vincite prodotte dai cavalli, per un totale di circa 450mila euro. Sono inoltre stati confiscati terreni, locali e appartamenti a Valenzano (Bari).

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©