Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Non si esclude la pista dolosa, danni ancora da quantificare

Orta di Atella, Eurocompost in fiamme: indagini dell’Arma

Comitati civici allarmati per la presenza di rifiuti tossici

.

Orta di Atella, Eurocompost in fiamme: indagini dell’Arma
02/09/2013, 12:21

ORTA DI ATELLA – Indagini, da parte dei carabinieri della locale stazione, sono in corso per accertare le cause dell’incendio che ha interessato alcuni capannoni dell’Eurocompost, in via Viaggiano ad Orta di Atella; la società, dismessa oramai da tempo, è sempre stata attiva nel campo dello smaltimento dei rifiuti. Più precisamente, l’Eurocompost fino a poco tempo fa svolgeva attività di recupero di bio-masse attraverso il processo del compostaggio, tristemente nota come la “fabbrica della puzza” per il cattivo odore, si presume, prodotto dal processo di lavorazione. I capannoni contengono ancora una quantità di rifiuti stoccati e, secondo alcuni rappresentanti dei comitati civici che sono accorsi immediatamente sul posto, “ci potrebbero essere anche rifiuti di natura tossica ospitati all’interno”. Tornando all’incendio, una volta domate le fiamme, si è avuto modo di accertare che sarebbe stato originato dalla combustione del materiale in plastica sistemato lungo le pareti esterne della struttura. Secondo alcune testimonianze, ci sarebbe stata anche una deflagrazione, probabilmente dovuta allo scoppio di bombole di gas. Ancora in corso di quantificazione, da parte del procuratore speciale della società, intervenuto sul posto, il danno patito dall’Eurocompost. Sono, comunque, tuttora in corso accertamenti, da parte dei tecnici dei vigili del fuoco, sul materiale incendiato e rinvenuto al fine di verificare l’eventuale natura dolosa della combustione stessa. Nessun ferito o pericolo, comunque, per le abitazioni circostanti. Le indagini sono condotte dai carabinieri della stazione di Orta di Atella.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©